Selfie sorridente davanti alla lapide del ragazzo morto a Jesolo: pestato per ritorsione

Giovanni Mattiuzzo è uno dei quattro giovani di 22 anni morti nell'incidente stradale. Un uomo di 33 anni ha fatto una bravata e in tre sono andati a picchiarlo

Il selfie davanti alla lapide del ragazzo morto

Il selfie davanti alla lapide del ragazzo morto

globalist 21 luglio 2019
Un idiota nei confronti del.quale, però, in questi tempi di ‘giustizia fai da te’ che qualcuno sdogana, è stato punito da alcune persone che l’hanno preso a calci e sberle.
Così un uomo di 33 anni - tra l’altro padre di famiglia - ha pensato bene (anzi male) di farsi sorridente una foto ricordo davanti all'epigrafe di Giovanni Mattiuzzo, uno dei quattro giovani di 22 anni morti nell'incidente stradale avvenuto a Jesolo. Poi ha pure postato l'immagine su Facebook. Il gesto, denunciato sullo stesso social network dalla sorella di Mattiuzzo, ha indignato il web. Tanto che l'autore del post è stato pestato e preso a pugni alla testa durante una misteriosa spedizione punitiva. Lo riporta Il Gazzettino.
“Dopo aver seppellito mio fratello vengo a conoscenza di un post di cattivo gusto...a me non frega un c... se avevate bevuto o fumato perché delle persone che si permettono di agire in questo modo davanti a una tragedia del genere devono finirla", aveva scritto nel post la sorella di Giovanni. Mentre la famiglia Mattiuzzo ha dato mandato ai legali Guido Simonetti e Simone Zancani di tutelare la memoria el ragazzo e di procedere contro chi ha commesso il gesto. 
Il 33enne si è scusato. Proprio lui, come riporta La Nuova Venezia, avrebbe raccontato della spedizione punitiva: tre giovani lo avrebbero insultato e picchiato.