Top

"Maledetti gli assassini poliziotti": il dolore della mamma di Federico Aldrovandi, che oggi avrebbe 32 anni

Il ragazzo, ucciso dalla polizia il 25 settembre del 2005, è ricordato dalla madre con un tweet gonfio di rabbia verso i quattro poliziotti colpevoli

Federico Aldrovandi
Federico Aldrovandi

globalist

17 Luglio 2019 - 09.12


Preroll

Oggi Federico Aldrovandi avrebbe compiuto 32 anni. La sua storia è una macchia di sangue indelebile sul selciato del paese, come quella di Stefano Cucchi, di Aldo Bianzino, di Franco Mastrogiovanni. Vittime dello Stato, di un sistema che avrebbe dovuto proteggerli. 
Federico aveva solo 18 anni. Un ragazzino. Tornava a casa, all’alba del 25 settembre 2005, quando ha incontrato quattro poliziotti. Alle volte si ha semplicemente sfortuna: quella di Federico, in quella maledetta notte, è stata incrociare i suoi passi, resi sbilenchi da una serata passata a divertirsi, con quattro diavoli. Gli agenti erano stati chiamati per una segnalazione di schiamazzi. Federico ovviamente non c’entrava nulla, stava tornando a casa in quel momento. I quattro assassini, Enzo Pontani, Luca Pollastri, Paolo Forlani e Monica Segatto, lo fermano, gli chiedono di identificarsi, sono aggressivi, forse perché vedono che il ragazzo è ubriaco. 
Federico forse ha paura. Reagisce male. I quattro prendono il ragazzo, lo sbattono sul marciapiede, lo picchiano. Federico urla “Aiuto, basta”. Sono gli agenti stessi a chiamare l’ambulanza, nell’orgia della loro follia hanno un momento di lucidità, in cui si accorgono di essere andati troppo oltre. Il sangue di quel ragazzino macchia il marciapiede. Morirà poco dopo, alle 6:15. Sua madre, che dorme ancora, non sa che la polizia gli ha ucciso il figlio sotto casa. 
È un dolore, quello di Patrizia Moretti, che non può avere fine. Nonostante i quattro siano stati tutti condannati per eccesso colposo in omicidio colposo a 3 anni e sei mesi di reclusione, non sono mai stati espulsi dal corpo di polizia. Hanno spezzato una vita che oggi avrebbe appena 32 anni e sono ancora membri del corpo di polizia dello stato. Queste sono bestialità che hanno generato, in questo giorno, un grido rabbioso della mamma, che su twitter ha scritto: “maledetti i poliziotti assassini che me l’hanno ucciso”, condividendo una foto di una famiglia, con due bambini piccoli. Uno di loro è Federico, ucciso dalla polizia. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile