Stefano Cucchi, a processo otto carabinieri accusati di falso e calunnia

La prima udienza è fissata il 12 novembre. Figura tra gli accusati Alessandro Casarsa, all'epoca comandante del Gruppo Roma

Stefano Cucchi

Stefano Cucchi

globalist 16 luglio 2019
Otto carabinieri, tra cui il generale Alessandro Casarsa, sono stati rinviati a giudizio dal gip del Tribunale di Roma per la morte di Stefano Cucchi. La prima udienza è fissata per il 12 novembre e gli otto carabinieri sono accusati a vario titolo e a seconda delle posizioni di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia. Oltre a Casarsa figura accusato anche Lorenzo Sabatino, allora comandante del reparto operativo dei carabinieri di Roma, Francesco Cavallo, nel 2009 tenente colonnello e capo ufficio del comando del Gruppo Roma, Luciano Soligo, all'epoca dei fatti maggiore dell'Arma e comandante della compagnia Roma Montesacro, Massimiliano Colombo Labriola, al tempo comandante della stazione di Tor Sapienza, Francesco Di Sano, all'epoca in servizio alla stazione di Tor Sapienza, Tiziano Testarmata, comandante della quarta sezione del nucleo investigativo dei Carabinieri e il carabiniere Luca De Cianni, accusato di falso e di calunnia.