Oscurare Savoini: oggi Salvini si nasconde dietro De Magistris e Orlando

Il ministro sui social se la prende con i sindaci di Palermo e Napoli che hanno difeso Carola Rackete

Salvini e Savoini

Salvini e Savoini

globalist 15 luglio 2019
Continua la strategia del diversivo con l’obiettivo di far dimenticare il caso Savoini, ossia lo ‘sherpa’ della Lega fedelissimo del cosiddetto capitano che dopo aver organizzato una tappa moscovita del ministro si è fatto beccare e registrare all’hotel Metropoli di Mosca mentre chiedeva appoggi e finanziamenti a emissari russi del giro di Putin in cambio di una politica pro-Russia della Lega e di una serie di partiti di estrema destra che si sarebbero presentati alle elezioni europee.
Se da un punto di vista giudiziario il passaggio dei soldi è tutto da ipotizzare (l’avvocato Meranda ha detto che alla fine l’accordo non fu trovato) da un punto di vista politico le cose sono chiare.
E allora dopo Carola Rackete e Macron: "Mentre la ricca Carola predica per far arrivare i "migranti climatici", i sindaci buonisti la "ringraziano" con premi e cittadinanza onoraria ????? E per i napoletani e i palermitani? Niente, come al solito. Questa è la sinistra italiana...".
Così su Facebook il ministro dell'Interno Matteo Salvini in un post con foto dei sindaci di Napoli Luigi De Magistris e di Palermo Leoluca Orlando.