Sinti, nomade o rom? Il modulo per l'iscrizione a scuola scatena la polemica

Il modulo, consegnato ai genitori degli alunni della scuola elementare di Fossò, in provincia di Venezia

Il modulo della scuola

Il modulo della scuola

globalist 13 luglio 2019

L’ennesima vergogna: per iscriversi alla scuola elementare bisogna specificare la propria etnia, ovvero se si è sinti, rom, nomade o camminante. Il modulo, consegnato ai genitori di Fossò (Ve), ha fatto scattare l'immediata polemica sostenuta dalle famiglie che si sono rivolte ad una associazione vicino a Rifondazione comunista. L'accusa: "E' un abuso, una discriminazione gravissima".


L'isitituto si difende: "Serve per favorire l'integrazione". Ma è una spiegazione inaccettabile.



Della polemica parlano i giornali veneti dopo che il modulo, distribuito da tempo, è stato oggetto di valutazione da parte dei genitori interessati alla "domanda", che hanno deciso di rendere pubblica la vicenda anche sui social network.
La scuola è nel Veneziano ma a far scattare la protesta sono stati genitori che vivono nel Padovano e che, attraverso, chi li assiste, ritengono che solo per loro ci sia questa "specifica". Per questo i legali dello Sportello Sociale / Gap - Padova sono al lavoro, perché si potrebbe trattare di "un abuso e una discriminazione gravissima".
Peraltro, sul modulo è richiesta anche la cittadinanza con una casella per "italiano" e uno spazio per specificare, se straniero, la nazionalità di origine, così come le vaccinazioni effettuate ed altri dati personali.
Mentre la direzione scolastica sostiene che l'atto "serve per favorire l'integrazione", Rifondazione respinge le motivazioni addotte dall'istituto e rileva che il modulo "va immediatamente ritirato perché va contro la Costituzione, la legge Mancino e le normative europee che vietano qualsiasi censimento".