Le accuse di Mediterranea: "Al Viminale cinici e crudeli"

La Ong ricostruisce i fatti e smentisce la versione fatta circolare tramite le veline di Salvini

La conferenza stampa di Mediterranea a Lampedusa

La conferenza stampa di Mediterranea a Lampedusa

globalist 7 luglio 2019
Alessandra Sciurpa, portavoce di Mediterranea, durante la conferenza stampa della Ong a Lampedusa ha confermato che "sulla nave Alex sono state dette solo menzogne, per fortuna ci sono le mail che abbiamo prodotto nell'esposto. Per fortuna ci sono gli atti che parlano". 
Via twitter Salvini aveva dichiarato che le Ong 'di sinistra' avevano mentito sul fatto che il gommone su cui si trovavano i migranti era in difficoltà. Alessandra Sciurba, dopo aver dichiarato che "il capitano della nave Alex è stato indagato per favoreggiamento della immigrazione clandestina, per disobbedienza di nave da guerra e violenza a nave da guerra. Gli stessi reati contestati alla Comandante della Sea watch, Carola Rackete" ha ribattuto a Salvini: "Quanto a provocazioni ho letto che il Viminale afferma che il gommone che abbiamo trovato non aveva alcuna emergenza. Come si fa a essere cosi' cinici e crudeli per fare propaganda sulle persone? Vorrei che chi dice queste cose venisse a bordo con noi e si ritrovasse davanti decine di persone su un gommone, con 4 bambini, una di 5 mesi e una di 2 anni, donne incinte. Come si fa a dire 'non c'e' alcun problema lasciamoli qui'. Dovevamo arrivare quando erano già in fondo al mare?". Quella che è andata in scena ieri quando la nave Alex è arrivata a Lampedusa è stata "la propaganda della cattiveria per far vedere quanto si era forti, è stata una vessazione. Tutto per calpestare la dignità delle persone per fare propaganda politica".
La portavoce conclude: "Abbiamo 2 barche sotto sequestro ma non ci fermeremo".