Le elezioni sono finite: si torni a parlare di Silvia Romano

Sono sei mesi che la ragazza, volontaria in Kenya, è stata rapita da ignoti e non si sa nulla. Il rischio è che questa storia cada nel dimenticatoio

Silvia Romano

Silvia Romano

globalist 28 maggio 2019

Tocca tornare a ribadirlo, visto che presi come siamo dalle elezioni e a consegnare il paese nelle mani della Lega è possibile che ci sia uscito di mente: sono sei mesi che Silvia Romano è sparita. Quel 20 novembre 2018 ha fatto in fretta a scivolare via dalle nostre menti, eppure questa enorme dèbacle italiana è lì, basta solo toglierla da sotto il tappeto dove si cerca di spingerla. 
Non si ha uno straccio di notizia sulla ragazza. Tacciono tutti: tace l'Italia, tace il Kenya, muti i servizi segreti. Si brancola nel buio e non ci si azzarda nemmeno a fare delle previsioni: Silvia è ancora viva? È stato chiesto un riscatto? Zero totale. 
C'è l'ipotesi che la ragazza sia stata 'passata di mano' tra bande criminali diverse. Ma si tratta di speculazioni, che non riescono tra l'altro a colmare un enorme silenzio coperto solo dal brusio elettorale. Che ora, però, deve placarsi per forza di cose