Padre Zanotelli e altri 100 scrivono a Mattarella: "fermi l'ecatombe nel Mediterraneo"

Il missionario pacifista: "Il governo italiano primo responsabile della strage in mare, potrebbe salvare tutti e invece li lascia morire"

Alex Zanotelli

Alex Zanotelli

globalist 21 maggio 2019
Il missionario pacifista Alex Zanotelli insieme ad altre cento persone e varie associazioni di solidarietà italiane ha chiesto al Presidente della Repubblica Mattarella di 'cessare l'ecatombe nel Mediterraneo'. 
"Egregio Presidente della Repubblica, - si legge nella missiva - fermi l'ecatombe in corso nel Mediterraneo richiamando il governo al dovere di soccorrere i naufraghi, di salvare le vite umane in pericolo. È il governo italiano, che da un anno sta facendo di tutto per impedire che i naufraghi siano soccorsi e recati in salvo nel nostro paese, il primo responsabile della mattanza di esseri umani nel Mediterraneo: potrebbe salvarli tutti, ed invece decide di farli morire. Chiunque lo vede, chiunque lo sa. Tacere significa essere complici di un immane massacro".
"Lei è il Presidente della Repubblica, il primo magistrato del nostro paese: nelle forme previste dall'ordinamento, nel pieno adempimento dei suoi doveri istituzionali, intervenga per far cessare la strage, intervenga per impedire altre morti di esseri umani innocenti ed inermi", scrivono i firmatari della lettera-appello.