Salvini insiste a definirsi cristiano: "testimonio la mia fede salvando vite umane"

Capitan Nutella continua a parlare nel nome di un Vangelo di cui non conosce nemmeno l'abc. E dimentica i morti in mare per mancanza di soccorsi e i poveri rispediti dagli aguzzini

Salvini con il rosario

Salvini con il rosario

globalist 20 maggio 2019
Come ha detto il parroco di Lampedusa, Capitan Nutella dovrete lasciar perdere le invocazioni alla Madonna e aprire il Vangelo, ossia qualcosa che per lui è del tutto sconosciuta e che usa in maniera strumentale.
Ma lo xenofobo leghista (quello che sui social punto sempre l’indice contro i migranti ed è uno dei responsabili politici di questa ondata di odio) si presenta come il paladino della cristianità, ma evidentemente una cristianità a rovescio. Dove, ad esempio, le parole “ero straniero e mi avete accolto” non sono contemplate o dove “ama il prossimo tuo” è letto non come amore universale per l’altro ma come una sorta di prima gli italiani.

Così Salvini ha detto non senza sprezzo del ridicolo: "Io testimonio la mia Fede salvando vite umane (i morti in mare, come gli sbarchi, sono calati del 90%) e combattendo gli schiavisti e i trafficanti di esseri umani, accogliendo chi ha davvero bisogno ma facendo rispettare regole e confini. Felice del sostegno da parte di tante donne e uomini di Chiesa, lavoro per riportare anche l`Europa sulla via della difesa delle sue radici giudaico-cristiane, negate e dimenticate dai burocrati di Bruxelles servi degli interessi della finanza e dei poteri forti".