Salvini cerca di mettere una pezza: "Mi piacerebbe incontrare il Papa..."

Dopo i fischi contro Francesco in piazza Duomo e le polemiche sul Vengelo Capitan Nutella capisce che l'attacco alla chiesa potrebbe essere un boomerang

Salvini a La7

Salvini a La7

globalist 20 maggio 2019

A lui piacerebbe. Ma è noto che i suoi tentativi informali fatti presso la Santa Sede hanno ricevuto un no secco, non essendo possibile che Francesco legittimi uno xenofobo seriale sempre pronto a indicare i migranti gli unici responsabili di tutti i mali del mondo e dell’Italia, tra l’altro in un partito come la Lega che vede molti dirigenti inquisiti e condannati per l’uso improprio dei denari pubblici.


Senza considerare i fischi contro Francesco a piazza Duomo e l'esposizione del rosario che rischia di diventare un boomerang.
"Catechismo della Chiesa cattolica dice che l'accoglienza è un dovere nei limiti del possibile e i limiti del possibile a Roma come a Milano, Torino e Palermo sono stati superati. Non penso che il Vangelo mi imponga di accogliere scippatori e spacciatori nel mia Paese, dai...".
Parole del cristiano a rovescio Matteo Salvini a 'Coffe break' su La7.
Sui cattolici che votano Lega aha aggiunto: "I cattolici, donne e uomini, sono liberi. Ce ne sono tanti che votano per la Lega e altri votano diversamente. Se siamo il primo partito in Italia è evidente che ci votano tanti cattolici".
Sulla possibilità di incontrare Papa Francesco: "Non mi dispiacerebbe, non l'ho mai chiesto". Certo, “è una delle persone più importanti, più affascinanti, stimolanti che ci siano. Come lo furono San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Avrei solo da imparare, se ci sarà".
Quanto alle polemiche sul rosario, Salvini è netto: "L'Europa ha avuto la faccia tosta di negare nella Costituzione della Ue le nostre radici giudaiche e cristiane. E' come negare che oggi è lunedì che la nostra civiltà parte da Gerusalemme, Atene e Roma. Noi siamo questo e io rivendico le nostre radici e le applico salvando vite e aiutando gli ultimi".
Parole buffe queste ultime: se vuole davvero rispettare quelle radici dovrebbe essere il primo ad applicarle nel suo agire quotidiano. Altrimenti sono parole al vento. Demagogia strumentale per raccattare due votarelli…