Top

La nuova frontiera della mafia passa attraverso la corruzione pubblica

Il parlamentare Aldo Penna è stato convocato dalla Procura di Caltanissetta per spiegare un nuovo metodo di corruzione mafiosa che sfrutta la pubblica amministrazione e la giustizia

Corruzione
Corruzione

Onofrio Dispenza

24 Marzo 2019 - 09.19


Preroll

“Sono poco conosciuti i più nuovi meccanismi del potere mafioso, e consentono di fare soldi a palate. Questa volta Cosa nostra si serve degli strumenti consentiti dalla legge; legge che viene piegata ai voleri di questo nuovo agire mafioso. Risultato? L’uscita dalle pubbliche casse di ingenti risorse che vanno ad arricchire la nuova mafia.
A scoprire i nuovi meccanismi di arricchimento della mafia è un parlamentare, Aldo Penna, palermitano, deputato che i Cinque Stelle hanno scelto per l’Uninominale dalla società civile. Fu osservato per il suo impegno sui temi dell’ambiente, dei diritti civili e della legalità. Penna quello che ha scoperto lo ha messo nero su bianco inviandolo alle Procure siciliane. La prima a rispondergli e che vorrà sentirlo, la Procura di Caltanissetta, tra le più attive nell’analisi delle dinamiche mafiose.
“I meccanismi attraverso cui la mafia opera, come ci insegna la recente sentenza su Mafia Capitale, – ricorda Aldo Penna – possono prescindere anche dalla dimensione militare, ma conseguire ugualmente i risultati che l’aggregato mafioso si prefigge, cioè l’arricchimento personale”.
“Una delle nuove modalità che sta imperversando negli ultimi anni ha come protagonisti il metodo mafioso e come coprotagonisti la corruzione di uno o più funzionari pubblici e come passaggio ultimo – aggiunge Penna – l’esborso di molti milioni da parte delle amministrazioni”. Il metodo è semplice, non prevede la classica violenza mafiosa e neanche il minimo esborso di soldi per fare soldi. Magari, forse, solo quelli per corrompere qualcuno che è dentro i meccanismi di spesa del denaro pubblico.
“Questo metodo non viene applicato agli appalti o alle estorsioni come avveniva un tempo: qui non si avvicina più l’imprenditore per non farlo partecipare ad una gara o il vincitore di una gara per pretendere una tangente o per estorcergli denaro – ricostruisce il parlamentare siciliano – Il nuovo meccanismo è più raffinato: si serve degli strumenti consentiti dalla legge, legge che viene piegata ai voleri di questo nuovo agire mafioso, e ha come risultato l’uscita dalle pubbliche casse di ingenti risorse che vanno ad arricchire la nuova mafia”

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Il meccanismo è semplice, ma ha tratti di diabolicità – prosegue Penna – Prendiamo l’imprenditore Alfa che presenta all’amministrazione regionale o comunale, un progetto per l’installazione di un impianto produttivo (qualunque esso sia); a quel punto, c’è la prima fase corruttiva. Il funzionario preposto per individuare la fattibilità e la correttezza documentale del progetto, invece di procedere a quest’accertamento, ritarda la risposta, tende a far uscire fuori dai termini fissati dalla legge i passaggi procedurali e immediatamente pone l’amministrazione a cui ha giurato fedeltà e lealtà nelle condizioni di essere aggredita dalla contestazione che l’imprenditore gli muoverà. Puntuale, come il sole del  mattino – ha ricostruito l’osservazione di Penna – l’imprenditore (non tutti per fortuna!) dà mandato ad uno studio legale (quasi sempre lo stesso), di muovere una contestazione formale all’amministrazione pubblica, mettendo in rilievo i danni arrecati dalla risposta fuori dai tempi previsti dalla legge da parte del funzionario infedele”. E cosa accade? “Accade che si apre un contenzioso e spesso la difesa della Pubblica Amministrazione si fa trovare inadeguata, per incapacità o perché “spinta” a non esserlo, arrivando alle varie fasi del giudizio, l’amministrazione pubblica puntualmente soccombe ed è condannata a pagare risarcimenti milionari all’impresa ricorrente”. Il gioco è sempliuce e il risultato sicuro: un fiume di milioni di denaro pubblico esce senza che all’amministrazione pubblica sia stato corrisposto un bene, un servizio o altra utilità. ” Senza sparare un colpo – osserva Penna -la mafia ha conseguito ( ripeto senza sparare un colpo, senza intimidire nessuno ) il risultato che in altri momenti ha dovuto conseguire con il terrore e, anzi, li ha conseguiti al riparo della legge, impugnando la sentenza come arma”. Per il resto,tutte queste somme vengono iscritte dagli enti pubblici come debiti fuori bilancio e vanno ad incrementare il passivo che sta stritolando le pubbliche amministrazioni. “Ancora una volta – dice Penna – se cerchiamo i responsabili dell’impossibilità nell’erogare i servizi necessari ad una comunità, questi vanno cercati sì nella cattiva amministrazione, ma anche in questo nuovo filone aurifero che la mafia ha attivato in maniera silenziosa, senza timore di essere perseguita e che sta procacciando enormi ricchezze ai suoi ideatori…La politica e la magistratura dovrebbero prendere cognizione di queste nuove manifestazioni del metodo mafioso e correre ai ripari”. La politica come, come la magistratura? “Vigilando sulla lealtà dei propri funzionari, e la magistratura, monitorando le anomalie che nell’arco degli ultimi anni hanno fatto crescere a dismisura i contenziosi e le liquidazioni milionarie”. Il parlamentare, come detto, presto sarà sentito dai magistrati di Caltanissetta. Porterà loro fatti concreti, riferimenti, nomi. Toccherà alla magistratura incrociare i nomi che ricorrono ai procedimenti legali. E trovare i beneficiari di questo nuovo business mafioso. 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage