Marcia per il clima e contro le grandi opere, le associazioni: "i cinque stelle hanno tradito le promesse"

Seconda grande marcia a Roma per il clima, partecipano anche No Tap, No Triv, No Tap e i cittadini di Taranto contro l'Ilva: grande malcontento contro i cinque stelle

Marcia per il clima

Marcia per il clima

globalist 23 marzo 2019
Seconda grande manifestazione a Roma per clima, ma stavolta inevitabilmente legata a questioni politiche: migliaia di persone sono infatti arrivate nella Capitale e tra loro spiccano le associazioni dei No Tav, No Triv, No Tap e i cittadini di Taranto che chiedono la chiusura dell'Ilva. 
E proprio tra le fila di queste associazioni il malcontento verso l'operato del governo e in particolare dei cinque stelle si sente maggiornamente: "gli esponenti del M5s hanno lucrato sui comitati e sui movimenti per poi disattendere le promesse fatte. Penso ai no tap, ai comitati dell'Ilva di Taranto, al comitato delle Grandi Navi".
Ad aprire il corteo, che arriverà a San Giovanni, lo striscione con la scritta 'Marcia per il clima contro le grandi opere inutili e contro le devastazioni ambientali'. Tra gli slogan e gli striscioni anche il cartello "più pinguini meno Salvini".