La diocesi di Prato contro i fascisti di Forza Nuova: "Non c'è spazio per il razzismo"

Quattro uffici dela Curia protestano contro la manifestazione indetta per festeggiare i 100 anni dei Fasci di Combattimento

Il manifesto di Forza Nuova

Il manifesto di Forza Nuova

globalist 18 marzo 2019
Tra i pochi a difendere i migranti, ora la chiesa si schierata in prima fila anche contro il fascismo risorgente.
"Perché avete scelto Prato per ricordare il vostro anniversario di violenza politica di 100 anni fa? Non si festeggia un anniversario portando divisioni in una comunità pacifica. Non si festeggia un anniversario senza il gradimento di chi ti deve accogliere".
Lo scrivono in una lettera aperta ai militanti di Forza Nuova quattro uffici di curia della Diocesi di Prato (Caritas, Ufficio per l'Educazione e la Scuola, Migrantes e Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro) in vista della manifestazione nazionale del movimento convocata per sabato 23 marzo, giorno del centesimo anniversario della fondazione dei Fasci italiani di combattimento.
"Prato è stata sempre una città aperta e accogliente. L'''altro'' si è sempre sentito a casa sua, non è stato mai respinto - si legge nella lettera della Diocesi pratese - Il prendersi cura e il rispetto, il non disprezzo e l'accoglienza, il lavoro e la sua dignità sono stati alla base della convivenza civile della città. Perché vuoi venire a turbare e intimorire chi con fatica ha costruito una città mite, pacifica, facente parte di un condominio planetario? Per meri interessi elettorali? Per diffondere una cultura della violenza?"
"A Prato non può esserci spazio per culture sovraniste, xenofobe, egoistiche, intransigenti che non mettono l'amore per l'altro al primo posto, la solidarietà, il lavoro, il bene di tutti. Al cuore dei principi della convivenza a Prato non ci sono la violenza, il respingimento, il razzismo, il ''prima i pratesi''. Ci sono i principi della nostra Costituzione fondante un ordinamento che assicura la pace e la giustizia fra tutti - continua la lettera della Diocesi - Non scandalizzare i piccoli e i poveri di Prato, non istigare il popolo pratese a costruire muri (fisici o culturali che siano); li abbiamo abbattuti con fatica e oggi sono solo dei richiami storici che attraverso il fare memoria ci dicono che solo con i ponti, le amicizie e il confronto abbiamo fatto grande Prato come luogo di pace e di scambio".