Il sindaco di Verona difende il congresso oscurantista: "difendiamo la centralità della famiglia"

Federico Sboarina, ha parlato del 13/o Congresso mondiale delle famiglie, che si terrà dal 29 al 31 marzo. Un raduno di oscurantisti e omofobi

Gli anti-aborto al consiglio comunale di Verona

Gli anti-aborto al consiglio comunale di Verona

globalist 15 marzo 2019

Oscurantisti e omofobi. Riuniti per un convegno ultra-tradizionalista che vede la donna come sfornatrice di figli e addetta alla casa.
“Si parlerà di famiglie, di vita, di bambini, ma questo è diventato motivo di scontri e aggressioni verbali. Non lo capisco, però rivendico il fatto che nella nostra città si possa parlare e dare la parola a chi vuole esprimere la propria opinione".
Lo ha detto il sindaco di Verona, Federico Sboarina, aprendo la conferenza stampa di illustrazione del 13/o Congresso mondiale delle famiglie, che si terrà dal 29 al 31 marzo.
"Il Congresso - ha spiegato - sarà uno straordinario laboratorio di idee e promuoverà azioni di sostegno concrete a favore della famiglia, che è e rimane il nucleo fondante della nostra società, secondo anche la Costituzione. Ecco perché il Comune di Verona ha deciso di co-organizzarlo, insieme all'associazione Wcf, concedendo gli spazi del Palazzo della Gran Guardia".


"Il Congresso - ha proseguito - esprime i valori in cui questa amministrazione, e io personalmente, crediamo, e come sindaco ho tenuto tra le mie competenze la delega alla famiglia, per garantirle la centralità che merita in ogni provvedimento che assumiamo. In più, accendere i riflettori sulla famiglia, significa porre l'attenzione anche sulla preziosità ed unicita' della vita".


"Perciò - ha concluso Sboarina - Verona, dopo aver ospitato l'anno scorso il Festival della Vita e' orgogliosa di aprire le porte a questa tre giorni di progetti e iniziative".