Latte, i pastori sardi contro il governo: "Dopo il voto sono spariti"

È quanto emerso dall'assemblea a Tramatza, un incontro molto partecipato che ha coinvolto un migliaio di pastori.

Pastori

Pastori

globalist 1 marzo 2019

I pastori sardi per il momento non torneranno in strada a versare il latte. Ma potrebbero escogitare nuove forme di protesta per farsi sentire e chiedere un prezzo più alto per il prodotto del loro lavoro. Nel frattempo, è stato dato pieno mandato a una delegazione per proseguire le trattative: il 7 marzo è un programma il secondo round in prefettura a Sassari per cercare di chiudere un accordo tra allevatori e industriali caseari.


È quanto emerso dall'assemblea a Tramatza, un incontro molto partecipato che ha coinvolto un migliaio di pastori. Nelle fasi iniziali della riunione diversi delegati hanno denunciato la "sparizione" di molti politici ed esponenti del governo nazionale e regionale, che prima del voto facevano la fila per manifestare solidarietà e appoggio alla battaglia degli allevatori. Durante il dibattito sono stati condannati anche gli ultimi episodi di violenza e minacce nei confronti degli addetti ai trasporti del latte.


Rimane, però, ancora senza soluzione la questione del prezzo. L'obiettivo è innanzitutto quello di partire da una soglia minima più alta di quella emersa nel tavolo a Cagliari con il ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio e ribadita alla ripresa del negoziato a Sassari: 72 centesimi al litro, la controproposta dei pastori è di arrivare a 80 centesimi subito per raggiungere il traguardo di un euro a fine stagione. In questi giorni gli allevatori attendono anche i movimenti dalla Borsa di Milano per mettere in moto il meccanismo che, attraverso il rialzo del prezzo del Pecorino romano, dovrebbe far sollevare anche il valore del latte sul mercato.


"Adesso BASTA STUPIDATE! Stiamo lavorando TUTTI per dare una soluzione ottimale alla questione. Il 7 marzo si riunisce nuovamente il tavolo di lavoro con i punti concordati anche da loro!", cosi' il ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio risponde con un tweet alle critiche mosse oggi dai pastori. Nell'assemblea che si è svolta oggi a Tramatza che ha coinvolto un migliaio di pastori, diversi delegati hanno denunciato la "sparizione" di molti politici ed esponenti del governo nazionale e regionale, che, sottolineano, prima del voto facevano la fila per manifestare solidarietà e appoggio alla battaglia degli allevatori.


Dopo gli assalti ai furgoni e alle autocisterne del latte, sono state incrementate le misure di vigilanza attraverso il potenziamento dei servizi di controllo del territorio. E' quanto emerso dalla riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito a Nuoro. Alla riunione, presieduta dal prefetto Giuseppe Marani, che è anche commissario governativo per la vertenza sul prezzo del latte, hanno partecipato i presidenti del Consiglio delle Autonomie locali e dell'Anci Sardegna. Da parte di tutti, "la più sentita condanna" per il grave episodio avvenuto a Nule (Sassari) nei giorni scorsi, quando un autotrasportare è stato aggredito e legato a un albero da uomini armati e a volto coperto, che hanno poi incendiato il mezzo. Dal vertice è poi emersa l'importanza della sinergia tra le istituzioni, e in questo senso verranno valutate iniziative coordinate.