Vialli e la sua lotta contro il cancro: "Non è stato un periodo bellissimo, ma ora tutto procede bene"

Vialli, vincitore del premio "Il bello del calcio" ha parlato delle sue condizioni di salute.

Gianluca Vialli

Gianluca Vialli

globalist 25 febbraio 2019
Gianluca Vialli, in occasione del premio "Il bello del calcio", in ricordo a Giacinto Facchetti, ha parlato della sua lotta contro il cancro.
"Mi immagino che quando la giuria ha deciso di premiare me, avranno detto 'diamolo a Vialli, che magari l'anno venturo è troppo tardi. A proposito di cancro, io sto bene, tutto procede bene. Non è stato un periodo bellissimo, ce la sto mettendo tutta e mi sto preparando meglio rispetto a quando giocavo a calcio. Ce la sto mettendo tutta e credo che dovrete sopportarmi per molto tempo".
Vialli ha poi continuato: "Ero veramente forte - ha detto a proposito del premio assegnatogli - Finora mi hanno detto che ero simpatico al massimo, ma visto che prima il premio "Il Bello del calcio" è andato a Zola... me lo sono meritato. Devo molto al calcio: ho comprato la mia prima casa, la mia prima macchina e soprattutto ho perso la mia verginità". A proposito del calcio attuale, invece, Vialli ha detto: "Il Var mi avrebbe messo nei casini".