Torna l'inverno: le raffiche di vento uccidono tre persone nel Lazio

L'ondata di gelo che dalla Russia è dilagata sui Balcani, infatti, sta coinvolgendo anche una parte dell'Italia. In Puglia un mercantile turco si è arenato sul litorale di Bari 

Il maltempo fa tre morti

Il maltempo fa tre morti

globalist 23 febbraio 2019

Torna l'inverno al Centrosud, con freddo e raffiche di vento che ha provocato danni, disagi e vittime: 3 morti nel Lazio. L'ondata di gelo che dalla Russia è dilagata sui Balcani, infatti, sta coinvolgendo anche una parte dell'Italia. In Puglia un mercantile turco si è arenato sul litorale di Bari 


Due persone sono morte ad Alvito, vicino a Frosinone, per il crollo di un muro, forse causato dal maltempo, che ha travolto in tutto quattro persone.


A San Sebastiano al Vesuvio, nel napoletano, un albero, caduto a causa del forte vento, si è abbattuto su una autovettura a bordo della quale viaggiavano madre e figlio. La donna ha riportato un trauma al capo ed è stata ricoverata in ospedale, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Per il figlio solo lievi escoriazioni. 


A Guidonia, vicino Roma, è morto l'uomo che era rimasto gravemente ferito, dopo essere stato schiacciato nella sua auto a causa della caduta di un albero. L'albero di alto fusto ha centrato la macchina in transito in cui viaggiava l'uomo, di 45 anni.


Nel capoluogo campano ci sono raffiche di vento forti, mare mosso nel Golfo, che ha portato alla sospensione quasi totale dei collegamenti con le isole, e fiocchi di neve nella zona collinare della città ed a Pozzuoli. In Campania, le scuole sono chiuse per decisione dei sindaci a Napoli, Benevento, ed in diversi Comuni dell' area Vesuviana e del Salernitano. Al momento non si segnalano danni di rilievo, ma il Centralino dei Vigili del Fuoco di Napoli ha ricevuto numerose chiamata per caduta di intonaci e pezzi di cornicione.


 


La Protezione Civile della Regione Campania ha prorogato l' allerta meteo fino alle 24 di domenica. Le previsioni sono di forti venti nordorientali, mare agitato al largo e lungo le coste esposte. Sono possibile mareggiate. Il vento soffia a Napoli con una velocità tra i 40 ed i 60 km all' ora e fino a 70 km sulle montagne e nelle zone interne della regione. Numerose richieste di intervento per caduta di alberi sono giunte al centrali dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Napoli. Non si segnalano, per ora, feriti.


Un incidente tra due navi è avvenuto nel porto di Ischia a causa del forte vento. La motonave "Don Peppino", della Gestur, che era in fase di attracco con grande difficoltà a causa delle avverse condizioni marine, ha impattato contro la prua della motonave "Benito Buono" della Compagnia "Medmar". La motonave "Benito Buono" ha riportato leggeri danni. Non vi sono stati feriti. La motonave "Don Peppino" impossibilitata ad attraccare per il vento è ripartita alla volta di Pozzuoli senza effettuare lo scalo nel porto di Ischia.


Il maltempo che sta flagellando il golfo di Napoli non risparmia neanche Capri. L' isola è sferzata da un fortissimo vento di grecale, una vera e propria tempesta, che ha determinato la soppressione da questa mattina di tutti i collegamenti marittimi con la terraferma. Le navi hanno rinforzato gli ormeggi in banchina. Il vento ha provocato la caduta di alberi e rami in ville private. In alcune zone dell'isola manca l'energia elettrica. Per motivi di sicurezza è stata disposta per oggi e domani la chiusura del cimitero comunale. 


Freddo, con temperature al di sotto dello zero, forte vento, ma poca neve questa mattina in Basilicata dove l'ondata di maltempo non sta creando particolari disagi alla circolazione. Fin dalla serata di ieri, comunque, il sindaco di Potenza, Dario De Luca, e quelli di altri Comuni della Provincia hanno disposto la chiusura delle scuole per la giornata odierna. Durante la scorsa notte e fin dalle prime ore di stamani i Vigili del Fuoco hanno inoltre effettuato diversi interventi, in particolare, per la caduta di rami e alberi causata dal forte vento. 


 Disagi per il vento in varie zone del'Umbria dove si segnalano anche alberi caduti su auto in transito lungo la E45. Nessuno è rimasto ferito. A Perugia i vigili del fuoco sono impegnati per varie piante cadute a Ponte Pattoli, Villa Pitignano e Bosco: qui una pianta è caduta sulla E45 coinvolgendo due vetture di passaggio. Alberi caduti a causa del forte vento anche a Foligno e Spello, a Collepepe e Massa Martana: anche qui una pianta caduta sulla E45 in direzione Perugia ha reso necessaria la chiusura temporanea del tra traffico, poi riaperto a metà mattinata, come riferisce l'Anas.


Oltre al vento i vigili segnalano anche incendi di bosco. A Campello sul Clitunno un rogo attivo da ieri è stato domato, così come un altro incendio che si è sviluppato intorno alle 4.30 in zona Gubbio in località Spada, dove le fiamme si sono avvicinate a un'abitazione. Il proprietario si è accorto perché è scattato l'allarme nella casa. Un terzo incendio è attivo in località Purello (Sigillo). Anche in provincia di Terni i vigili del fuoco sono impegnati dalle 5.30 di questa mattina per la rimozione di alberi e rami pericolanti a causa del vento forte. La situazione è sotto controllo e non vengono segnalati problemi particolari.


 Raffiche di vento forte stanno interessando il litorale molisano dove le temperature si sono bruscamente abbassate. Numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco in tutto il Molise per rami divelti dal vento forte, come pure tegole e cartelloni pubblicitari. Interrotti i collegamenti via mare tra il porto di Termoli e le Isole Tremiti (Foggia): la motonave 'Isola di Capraia' non ha effettuato la corsa a causa del mare in burrasca. La Capitaneria di Porto ha diramato un avviso di burrasca valido fino alla serata che prevede vento di nord-est forza 9, mare molto agitato con un'altezza d'onda di 4 metri. I pescherecci della marineria molisana hanno rinforzato gli ormeggi.