Roma, 2019: un fascista sputa in faccia a una donna perché pensa sia ebrea

La vicenda è raccontata da Alessandra Veronese, docente di storia medievale ed ebraica all'Università di Pisa: "prove di antisemitismo, che schifo"

Alessandra Veronese

Alessandra Veronese

globalist 25 gennaio 2019
Alessandra Veronese, professoressa di Storia medievale ed ebraica all'Università di Pisa, ha raccontato in un post su Facebook una storia sconcertante di antisemitismo, che sembra provenire direttamente dai bui anni '40. La vicenda risale allo scorso 17 gennaio, ma solo in questi giorni ha acquisito una risonanza nazionale a causa della denuncia alla digos. 
Scrive la docente su facebook: "Oggi a Roma: sono ferma davanti a Feltrinelli, aspettando una persona. Un tizio, con croce uncinata sul braccio, mi si avvicina e mi sputa in faccia. Io sono rimasta così allibita che non ho neppure reagito. Ho poi capito cha probabilmente lo ha fatto perché avevo una borsa di tela del corso di yiddish fatto a Tel Aviv. Prove di antisemitismo. Che schifo".
Intervistata, la docente ha spiegato che ha raccontato quanto accaduto perché "volevo si sapesse, mi è sembrato un gesto grave, enorme." Secondo i testimoni l'uomo aveva una svastica tatuata, è un fascista conosciuto nella zona non nuovo a simili aggressioni".