Roma invasa dai rifiuti, anche i vescovi perdono la pazienza: "possibile che non ci sia una soluzione?"

Il mons. Lojudice dai microfoni di Radio Vaticana si domanda come sia possibile che una città come Roma non riesca a trovare una soluzione al problema dei rifiuti

Il Vaticano invaso dai rifiuti

Il Vaticano invaso dai rifiuti

globalist 11 gennaio 2019

Persino il Vaticano alza la voce sui rifiuti di Roma: dai microfoni di Radio Vaticana, Mons. Paolo Lojudice si domanda: "È possibile che non ci sia una soluzione?" Che cosa sta succedendo a Roma?".
"Io mi pongo, da semplice cittadino, la semplice domanda: ma come mai una grande città non riesce a risolvere il problema della spazzatura? È proprio così impossibile? Davvero non c'è soluzione? Io chiederei questo ai nostri amministratori: diteci il perché. Non possono passare i mezzi? Non ci sono? Sono rotti? Sono sottodimensionati? Sono tutti in ferie? Non c'è dove portarla, quindi è inutile che la raccogliamo...? È un ragionamento, mi rendo conto, da uomo della strada, ma è ciò che si domanda la gente: si resta amareggiati, avviliti".
Lojudice, che in passato è sempre stato molto critico nei confronti del governo specie sulle sue posizioni su rom e migranti, ha poi commentato un recente fatto di cronaca, ossia l'agguato in pieno giorno davanti a un asilo in cui è morto un pregiudicato: "C'è chi in questo momento sta cavalcando l'onda di una iper-sicurezza che può essere garantita solo da certe modalità di intervento, e dall'altra parte c'è il caos che si ingenera tra un sindaco e un ministro... Insomma, tutto questo non è dialogo. È il gioco del chi strilla più forte, chi alza di più la voce, chi si mette di più sui social… Preoccupa uno stile di questo genere perché un dialogo politico uno se lo immagina come un dialogo civile".
"Io vorrei che questi politici dialogassero più tra loro e non facessero solo esternazioni continue" è l'appello di mons. Lojudice.