L'Emilia-Romagna prepara il ricorso alla Consulta contro il decreto Salvini

Dopo la Toscana un'altra regione pronta a rivolgersi alla Corte Costtiuzionale: siamo di fronte alla violazione dei diritti fondamentali

Migranti

Migranti

globalist 6 gennaio 2019
Una rivolta civile sperando che la Corte Costituzionale veda come le leggi siano in contrasto con i valoro nei quali si riconoscono gli italiani: adesso dopo l'annuncio della Toscana, anche l'Emilia-Romagna potrebbe fare ricorso alla Consulta contro il decreto sicurezza. "Come Regione non abbiamo competenze dirette sulla gestione dell'accoglienza, ma le abbiamo sul sistema sanitario e se viene negato l'accesso ai servizi di base per una mancata iscrizione all'anagrafe, siamo dinanzi a una violazione dei diritti fondamentali", ha detto la vicepresidente della giunta, Elisabetta Gualmini.
"Proprio per capire l'impatto delle nuove norme, ho convocato - aggiunge la Gualmini - per le prossime settimane il tavolo di coordinamento sulle politiche migratorie con tutti i distretti della regione".