Top

L'Unhcr: il decreto Salvini è al limite della violazione del diritto internazionale

L'accusa dell'Alto Commissario per i Rifugiati Unhcr Filippo Grandi: mettere insieme immigrazione e sicurezza crea un linguaggio pericoloso che può avere derive gravissime

Migranti
Migranti

globalist

5 Dicembre 2018 - 19.26


Preroll

Parole dure ma più che fondate: il decreto Sicurezza voluto da Salvini e ingoiato dai maggiordomi del M5s (pur tra qualche dissidente e qualche mal di pancia) “è una legge che è al limite della violazione del diritto internazionale”.
Lo ha detto l’Alto Commissario per i Rifugiati Unhcr Filippo Grandi, intervenendo alla presentazione a Milano dell’ edizione italiana di ‘Preghiera del mare’ di Khaled Hosseini, curata da Roberto Saviano (edizioni Sem). “Al presidente del Consiglio, al ministro
dell’Interno così come al Presidente della Repubblica ho ricordato che il mio ruolo è quello di vigilare che le leggi nazionali siano consone alla legislazione internazionale e in questo caso dovremo segnalare” questa legge.
“Abbiamo molte perplessità da diversi punti di vista – ha proseguito Grandi – di cui ho discusso anche con il ministro Salvini”.
“Prima tra tutte chiamare una legge ‘sicurezza e immigrazione’ già di per sé classifica l’immigrazione come un problema di sicurezza – ha aggiunto l’Alto Commissario – ed è un punto di vista e una presa di posizione che io contesto: crea un linguaggio pericoloso che può avere derive gravissime”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile