Top

Saluto romano a Marzabotto: il giudice conferma l'archiviazione e condanna il Comune alle spese

Eugenio Maria Luppi assolto da apologia del fasciscmo e respinto il ricorso del Comune: non è persona offesa

<picture> Eugenio Maria Luppi insulta i morti di Marzabotto </picture>
Eugenio Maria Luppi insulta i morti di Marzabotto

globalist

27 Novembre 2018


Preroll

Le sentenze vanno rispettate, ma almeno si può dire che se i magistrati applicando la legge hanno mandato assolto una persone responsabile di un tale gesto indegno allora è sbagliata la legge?
Il Comune di Marzabotto “non può essere ritenuto persona offesa” nel procedimento per apologia di fascismo a carico del calciatore dilettante Eugenio Maria Luppi, e quindi il suo reclamo contro l’archiviazione dell’indagine nei confronti di Luppi “non è fondato”.
Questa la decisione del giudice bolognese Paola Palladino, che conferma quindi l’archiviazione di Luppi, finito sotto indagine perché il 12 novembre 2017 fece il saluto romano e mostrò una maglietta con il simbolo della Repubblica sociale italiana dopo aver segnato un gol proprio a Marzabotto, teatro di una delle più feroci stragi naziste.
La Procura aveva chiesto l’archiviazione dell’indagine, poi disposta dal gip in quanto nel gesto di Luppi non venne ravvisato “nessun pericolo all’ordinamento democratico”, ma il Comune di Marzabotto, rappresentato dall’avvocato Andrea Speranzoni, aveva chiesto l’annullamento del provvedimento lamentando una violazione del principio del contraddittorio.
In particolare, l’amministrazione contestava il fatto di non essere stata ritenuta parte offesa e quindi di non essere stata avvisata della richiesta di archiviazione.
La Procura, infatti, aveva ritenuto che l’unica parte offesa fosse lo Stato, e Palladino accoglie questa impostazione, affermando che il Comune “non può essere ritenuto parte offesa” in quanto “l’interesse protetto dai reati” come l’apologia di fascismo è “l’integrità dell’ordinamento democratico e costituzionale”.
Nel provvedimento, il giudice rileva che il Comune “potrà semmai assumere la veste di soggetto danneggiato, che non ha diritto a ricevere la notifica della richiesta di archiviazione”, e per questo motivo conferma l’archiviazione di Luppi, condannando l’amministrazione al pagamento delle spese del procedimento.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage