Top

La macchina del fango grillina su De Falco: reo di non voler votare il decreto sicurezza di Salvini

Un vero massacro mediatico contro Gregorio De Falco. Il sistema è quello collaudato dei Cinque stelle, quindi non un attacco diretto ma una demolizione operata sui siti satelliti della loro galassia.

Gregorio De Falco
Gregorio De Falco

globalist

6 Novembre 2018 - 09.33


Preroll

Nel caso di De Falco, nota il Giornale, le bordate arrivano dal sito Silenzi e Falsità, riconducibile alla Moving Fast Media Srl, con sede a Sestu (Cagliari), amministratore unico Marcello Dettori, fratello di Pietro Dettori, socio della Associazione Rousseau di Davide Casaleggio, fedelissimo di Luigi Di Maio che lo ha messo a Palazzo Chigi come “responsabile della comunicazione social ed eventi”, a 130mila euro l’anno.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Marcello Dettori attacca De Falco anche per la sua famosa frase “salga a bordo cazzo” detta a Schettino: “Evidentemente, alla luce del suo comportamento di questi giorni, con Gregorio De Falco è stato fatto un errore di valutazione al momento in cui gli è stata fatta dal M5s la proposta della candidatura al Senato. Per la verità, personalmente, non ho mai ritenuto che il suo comportamento con Schettino fosse da uomo coraggioso, ma invece da uomo alla ricerca di notorietà. Primeggiare in quella occasione era un’occasione ghiotta e non se l’ è lasciata sfuggire”, scrive in una sorta di articolo intitolato La mala fede del senatore De Falco dissenziente de sinistra incensato da Repubblica. La tesi è che il “traditore” De Falco si sia venduto al gruppo editoriale di De Benedetti.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile