Ancora disperso il pediatra di Palermo: trovati ieri alcuni indumenti del medico

Terza notte di ricerche per Giuseppe Liotta, il pediatra di 40 anni di cui si sono perse le tracce sabato sera mentre si recava in ospedale a Corleone

Le ricerche dei Vigili del fuoco

Le ricerche dei Vigili del fuoco

globalist 6 novembre 2018

Terza notte di ricerche per Giuseppe Liotta, pediatra palermitano di 40 anni di cui si sono perse le tracce sabato sera mentre si recava in ospedale a Corleone (Palermo). Ieri i soccorritori hanno ritrovato brandelli di vestiti del medico, una cintura, parti di un giubbotto e di pantaloni che sono stati riconosciuti dai familiari. La sua auto, un suv, è stata invece rintracciata nel tratto stradale tra Ficuzza e Corleone, in contrada Raviotta.

Le operazioni di ricerca sono coordinate dai Vigili del Fuoco, presenti con unità cinofile e dal S.A.F. (Soccorso Alpino Fluviale), con il concorso di personale delle Forze di polizia, dell'Esercito, del Corpo Forestale Regionale, del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano oltre a varie associazioni di volontariato, della Croce Rossa Italiana.
Sabato sera, intorno alle 19, gli ultimi contatti con la moglie, Floriana, anche lei medico pediatra, a cui ha detto che il fango aveva invaso tutta la strada. Aveva anche chiesto di geolocalizzare la sua auto. Da quel momento il silenzio.
I soccorritori ipotizzano che Liotta abbia tentato di raggiungere a piedi il paese per prendere servizio in ospedale. Avendo trovato la strada principale bloccata potrebbe aver deciso di prendere una scorciatoia passando da una strada laterale in mezzo ai campi dove potrebbe essere stato travolto da un'onda di acqua e fango.