Armato di una spranga insulta e aggredisce un musulmano: denunciato per odio razziale

Un uomo a Barcellona Pozzo di Gotto si è scagliato contro le persone ferme davanti al centro di culto islamico

False accuse per incolpare un migrante: arrestati tre carabinieri

False accuse per incolpare un migrante: arrestati tre carabinieri

globalist 14 settembre 2018

Come ha detto il ministro ‘ridens’ della Giustizia Bonafede in Italia il razzismo non esiste: un 45enne di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) è stato sottoposto all'obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria con l'accusa di danneggiamento e lesioni personali con l'aggravante di avere agito per finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso.
I militari hanno dato esecuzione a un'ordinanza emessa dal gip Fabio Gugliotta, su richiesta della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto, guidata da Emanuele Crescenti. Le indagini sono scattate dopo una lite avvenuta lo scorso 7 luglio nei pressi del centro di culto islamico della cittadina del Longano.
I militari anche grazie al racconto della vittima e dei numerosi testimoni ascoltati hanno così ricostruito la dinamica dei fatti.
L'uomo ubriaco aveva dapprima insultato alcuni musulmani in attesa di svolgere la preghiera e poi con una spranga di ferro aveva aggredito un marocchino provocando all'uomo una frattura al piede. Poi si era scagliato contro due passanti che avevano invano tentato di calmarlo danneggiando con la spranga le loro auto. A seguito del provvedimento cautelare l'uomo dovrà adesso presentarsi tutti i giorni nella caserma di Barcellona Pozzo di Gotto in attesa del processo.