Top

Un bimbo di 8 anni vince la leucemia ma non può andare a scuola: tanti no-vax

Cinque alunni non sono vaccinati ma non possono essere esclusi dalle elementari. Il piccolo doppiamente vittima. Accade a Treviso

No vax  contro i vaccini
No vax contro i vaccini

globalist

11 Settembre 2018 - 15.54


Preroll

Scempi dell’anti-scienza che troppo protezione ha tra gli stregoni del cambiamento: dopo aver sconfitto la leucemia, un bambino di 8 anni non potrà tornare a scuola perché alcuni dei suoi compagni di classe non sono vaccinati. Accade in un paese in provincia di Treviso. A denunciare l’accaduto la dottoressa Oriana Maschio, che ha sollevato un vero e proprio caso tramite un post su Facebook. Stare tra i banchi di scuola con bambini no vax per un bambino che è stato sottoposto a diversi trattamenti chemioterapici potrebbe infatti essere troppo pericoloso e rischioso. “Dobbiamo rispettare la normativa nazionale, non possiamo escludere i bambini non vaccinati dalle elementari”, ha dichiarato Francesco Benazzi, direttore generale Ulss.
“Sono stordita. Incontro un’amica pediatra. Eravamo assieme in macchina un anno fa quando da Padova arrivò la notizia. Il bimbo con la febbre alta da sei giorni aveva un bruttissimo emocromo e si confermava la più terribile delle leucemie, il mostro che a noi medici fa venire i brividi: leucemia mielode acuta – racconta la dottoressa su Facebook – Lei iniziò a piangere, chissà se ce l’avrebbe fatta. Oggi le chiedo del bambino che ora ha otto anni. ‘Bene!’ mi risponde con un sorriso ‘è stata dura ma ora sta meglio grazie al trapianto di midollo della sorellina di dieci anni'”. Ma ora c’è un problema. Cinque bambini della sua classe non sono vaccinati, di conseguenza, il piccolo non può andare a scuola. E vivendo in un paese non ci sono alternative: anche nelle altre classi ci sono no vax.
“Ma dico – aggiunge Maschio – siamo in un Paese civile? Siamo nel 2018 ed esiste questa gente stupida che trova in politici imbecilli una voce, gente che sproloquia dimenticando che non pratichiamo più l’antivaiolosa visto che l’organizzazione mondiale della sanità ha confermato che l’ultimo caso di vaiolo al mondo risale al 1978. Intanto i bambini che hanno subìto chemio (ma questa gente sa cosa vuol dire per un bambino?) dovranno cercare una classe di bambini vaccinati e magari come Andrea (nome di fantasia) alzarsi prima ogni mattina per andare col papà in macchina in un altro paese”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile

 

Dynamic 1

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage