Top

Migranti, il manifesto antirazzista delle associazioni: "serve un'azione di contrasto"

Mobilitazione di Anpi, Arci, Articolo 21, Cgil, Legambiente, Libera, Rete della Pace e Tavola della Pace per la marcia Perugia-Assisi del 7 ottobre: "per un percorso unitario contro il razzismo e la cultura della violenza"

Migranti, il manifesto antirazzista delle associazioni: "serve un'azione di contrasto"
Migranti, il manifesto antirazzista delle associazioni: "serve un'azione di contrasto"

globalist

30 Agosto 2018 - 12.33


Preroll

Dopo l’appello Mai più fascismi, per sollecitare le istituzioni ad attuare pienamente la XII Disposizione della Costituzione che vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista” e ad impedire che si presentino alle elezioni liste direttamente o indirettamente legate a organizzazioni, associazioni o partiti che si richiamino al fascismo o al nazismo, arriva un manifesto dell’Anpi e di un vasto cartello di associazioni contro il razzismo.
Un documento congiunto frimato da Anpi, Arci, Articolo 21, Cgil, Legambiente, Libera, Rete della Pace e Tavola della Pace, nel quale le associazioni annunciano che proseguiranno le mobilitazioni in tutta Italia e la partecipazione alla marcia Perugi-Assisi del prossimo 7 ottobre “per un percorso unitario contro il razzismo e la cultura della violenza, per la costruzione di politiche di pace, diritti umani, nonviolenza, giustizia sociale e accoglienza”.
Il manifesto antirazzista, che arriva dopo giorni di tensioni sul caso Diciotti e le proteste fasciste e razziste per l’arrivo di 100 eritrei a Rocca di Papa, vuole essere una risposta – sottolineano le associazioni – alle “numerose crisi che affliggono le nostre società e che hanno intaccato le fondamenta della democrazia, riportando alla luce un atteggiamento violento e aggressivo nei confronti di uomini e donne che vivono in condizioni di miseria e in pericolo di vita, accusandoli di essere la causa dei nostri problemi”.
“La serie di episodi di violenza nei confronti di immigrati, con una evidente connotazione razzista e spesso neofascista – affermano le associazioni – impone una seria e immediata azione di contrasto che parta da una doverosa riflessione: il tessuto sociale impoverito divenuto, giorno dopo giorno, campo fertile per fomentatori di odio e di esclusione sociale. Si stanno frantumando i legami di solidarietà e, progressivamente, spostando l’attenzione dalle vere cause e dalle responsabilità dei governi nazionali e delle istituzioni internazionali”.
“Nel percorso che ci vede coinvolti unitariamente – scrivono ancora le associazioni – dopo le mobilitazioni che ci hanno visti impegnati a Catania e Milano, gli episodi di mobilitazione locale che si stanno moltiplicando in queste settimane e le prossime iniziative, compresa una manifestazione unitaria nazionale, riteniamo un importante momento di impegno comune la partecipazione alla marcia Perugi-Assisi della pace e della fraternità che si svolgerà domenica 7 ottobre”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile