Top

Razzismo senza freni del governo Salvini. Le proteste? Solo 'opinioni personali'

Fico, Spadafora, Fontana. Esprimono le loro opinioni, ma il 'governo è un'altra cosa' dice Salvini. Sì, è una cosa su cui decide solo lui.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Giuseppe Cassarà

1 Luglio 2018 - 15.54


Preroll

Lanciamoci in una previsione probabilmente non lontana dalla verità: questo governo cadrà, anche abbastanza presto. Dopo le nuove elezioni Luigi Di Maio verrà gettato nel dimenticatoio, Conte tornerà a fare qualunque cosa facesse prima, l’avventura politica dei cinque stelle avrà una fine ingloriosa ma tutto sommato meritata e Matteo Salvini sarà premier. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

A dircelo sono non solo i numeri delle amministrative, disastrosi per i cinque stelle e gloriosi per la Lega, che avanza ovunque inesorabile, ma anche il fatto che Salvini stia continuando, in maniera sfacciata, una campagna elettorale in cui è impegnato da anni. Perché lo sa il ministro che il percorso non è ancora finito per arrivare dove vuole, cioè al posto che Conte gli sta tenendo in caldo.

Middle placement Mobile

Dai migranti ai ‘vucumprà’, dai rom ai gay, Salvini e la sua squadra sono bravissimi a premere i tasti giusti per compiacere i propri elettori e far saltare come molle quei pochi oppositori, le cui reazioni scomposte, gli appelli e le fiaccolate hanno come solo effetto quello di divertire ancora di più il ministro. Perché non è che queste cose non funzionano, tutt’altro: la reunion fascio-leghista di Pontida ne è una prova. Solo che serve tempo, serve organizzazione, serve una leadership che l’opposizione al momento non conta. E questo vuoto consente a Salvini di dire cose come “staremo al governo 30 anni” come ha fatto oggi sempre a Pontida. 

Dynamic 1

Ora, in previsione di 30 anni di governo della Lega, occorre abituarsi al linguaggio. È un paio di giorni che Matteo sta sperimentando una nuova formula, pericolosamente travestita da rispetto della democrazia: “è una sua opinione personale”.

Fico dice che i porti devono restare aperti? Opinione personale.

Dynamic 2

Spadafora sostiene che non si andrà indietro sui diritti civili per la comunità Lgbt? Opinione personale, seguito dall’ancora più minaccioso “nel contratto non c’è”.

Ma anche Fontana, per par condicio, quando afferma che le famiglie arcobaleno non esistono, esprime opinioni personali. L’unica opinione che sembra essere legittimata è la sua, quella del Ministro: “le opinioni vanno ascoltate, ma il governo è un’altra cosa”. Lo ha detto lui stesso, e francamente se non fa venire i brividi questa frase allora tanto vale che ci mettiamo il cuore in pace e lasciamo che questi 30 anni inizino al più presto. Perché è vero che le opinioni vanno ascoltate, sacrosanto che il governo poi è quello che prende le decisioni, se no che lo eleggiamo a fare. Ma con il giochetto dell’opinione personale si ottiene il totale appiattimento dell’opinione, che è poi in definitiva l’effetto social network: Se tutti, con la stessa autorità e soprattutto con la stessa reazione sono autorizzati a dire la propria, allora le opinioni non conteranno più nulla, non avranno più alcuna influenza sui fatti. E chi compie, i fatti? Chi prende le decisioni, sicuro che non esiste nessuno in grado di fargli una seria opposizione?

Dynamic 3

Per i grillini è quanto di più simile a un contrappasso: hanno lottato per l’appiattimento, per il noto 1=1. Bene, lo hanno ottenuto. Però c’è un problema: da questa equazione Salvini si è tirato fuori, usando proprio quel contratto che invece ha invischiato Di Maio rendendolo ancora più inutile di quanto era prevedibile. E quanto tempo passerà prima che Salvini dica che anche quelle dell’altro vicepremier sono ‘opinioni personali’. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile