Roma e la moda sciocca del selfie estremo: sospesi a 30 metri su un ponte

La pericolosa moda dei giovani romani alla ricerca dello scatto da brivido

Roma, il selfie estremo: sospesi a 30 metri su un ponte

Roma, il selfie estremo: sospesi a 30 metri su un ponte

globalist 27 giugno 2018

Un selfie estremo, sospesi a 30 metri di altezza sul ponte di corso Francia. E' l'ultima trovata, pericolosa, dei giovani romani per cercare notorietà sui social. Una moda che dura da almeno un anno, più volte segnalata e denunciata dai residenti della zona.

L'ultimo episodio sul ponte delle Aquile, ovvero ponte Flaminio, uno dei più trafficati della capitale che, attraverso corso Francia, collega il quartiere Flaminio con quello dei Parioli.
E' successo sabato scorso, nel pomeriggio. Il video, pubblicato sul sito dell'Ansa, mostra una coppia di giovani: lei è seduta sul bordo del ponte, lui che invece cammina lungo il cornicione esterno e a tratti saltella su una piccola piattaforma. Il tutto cercando l'inquadratura perfetta per un selfie.
Un ponte che è un punto di ritrovo nel fine settimana per i giovani tra i 14 e i 20 anni. Secondo le segnalazioni dei residenti, che da tempo denunciano a vigili e forze dell'ordine la pericolosità di quel posto, il sabato è un pullulare di motorini e minicar sul ponte, con decine di giovanissimi che si alternano a scavalcare il parapetto per lo scatto da brivido, incuranti del fatto che basta una distrazione perché la bravata si trasformi in tragedia. E ogni volta è sempre la stessa storia: vigili, carabinieri e polizia arrivano, fanno allontanare i ragazzi, li identificano e li lasciano andare.