Top

L'ex bisca Spada diventa un centro anti-ludopatia, Zingaretti: "il riscatto di Ostia parte da qui"

Presentato il progetto della regione Lazio per il contrasto del gioco d'azzardo e la promozione delle legalità. E' la prima esperienza simile in Italia

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

globalist

21 Giugno 2018 - 13.32


Preroll

Da simbolo del potere criminale a simbolo della partecipazione dei cittadini: era una bisca del clan Spada, diventerà un luogo pubblico per la prevenzione della ludopatia, in particolare tra i ragazzi delle scuole. E’ il progetto Game over presentato a Ostia dal presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti nella ex sala slot di via Carlo Del Greco. Assieme a Zingaretti anche il presidente dell’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio, Gianpiero Cioffredi e Massimiliano Monnanni, presidente di Asilo Savoia.
È la prima volta in Italia che una sala giochi sequestrata alla criminalità organizzata diventa luogo di prevenzione dal gioco di azzardo. Protagonisti del progetto Game over saranno gli studenti degli Istituti secondari di primo e secondo grado, in gruppi di massimo 25.
I ragazzi coinvolti sperimenteranno dal vivo, in un ambiente ricreato nei minimi dettagli, gli stimoli che alimentano gli impulsi a giocare d’azzardo e ciò che contribuisce a mantenere comportamenti disfunzionali.
Oltre all’esperienza diretta nell’ex sala slot di Ostia, i giovani potranno beneficiare di un set di tre incontri da quattro ore ciascuno preceduti da momenti preparatori con le scuole coinvolte. Gli obiettivi, oltre a quello del contrasto del gioco d’azzardo, sono la promozione delle legalità, l’informazione circa la distribuzione territoriale di mafie e beni confiscati, la sensibilizzazione sul delicato tema delle patologie. Negli orari pomeridiani la sala di via Carlo del Greco potrà essere utilizzata dalle associazioni di Ostia per iniziative coerenti con le finalità del progetto.
“Qui c’è il riscatto di Ostia – ha commentato il presidente della regione Lazio Zingaretti – perché simbolicamente è importante che un bene confiscato torni al quartiere. Poi c’è una associazione culturale aperta al quartiere in cui si faranno anche corsi di recupero per la ludopatia, parte di un progetto da 14 milioni messi a disposizione dalla Regione contro il gioco d’azzardo”.
“E’ la prima volta in Italia – ha sottolineato il presidente dell’Osservatorio regionale sulla sicurezza e la legalità Cioffredi – che una sala giochi sequestrata diventa un luogo per la prevenzione del gioco d’azzardo, ed è importante che avvenga a Ostia perché il potere criminale del clan Spada si esplicitava proprio in luoghi di questo tipo. C’è infatti un interesse importante delle mafie rispetto alle sale giochi: gli Spada con questa sala imprimevano un carattere di ‘egemonia territoriale’. Inoltre era un luogo di spaccio di droga e riciclaggio di denaro. Aprire una esperienza così ci rende orgogliosi”.
“Il sequestro – ha ricordato Cioffredi – è avvenuto nell’ambito dell’operazione che ha configurato per gli Spada la fattispecie di associazione mafiosa, e noi come Regione ci siamo costituiti parte civile. Questo luogo da simbolo del potere criminale diventa un simbolo della partecipazione dei cittadini. E’ un fatto rilevante anche perché le indagini sul gioco d’azzardo dicono che il Lazio è la seconda regione italiana per rischio di ludopatia e per spesa nel gioco: si spendono oltre 7 miliardi di euro l’anno. Le categorie a rischio sono in particolare anziani e adolescenti, e addirittura preadolescenti. Per questo il lavoro sulle scuole diventa decisivo: a breve incontreremo i dirigenti scolastici per proporre questi laboratori che saranno a costo zero”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage