Top

Difese l'ex che voleva bruciarla viva: accusata di falsa testimonianza e favoreggiamento

Indagata la 23enne Ylenia Bonavera, provò a nascondere l'identità di Alessio Mantineo alla polizia

Ylenia Bonavera, Alessio Mantineo
Ylenia Bonavera, Alessio Mantineo

globalist

23 Marzo 2018 - 14.06


Preroll

Ha tentato in tutti i modi di difendere l’ex fidanzato che aveva cercato di ucciderla bruciandola viva, dopo averla cosparsa di benzina. Adesso è indagata per falsa testimonianza e favoreggiamento dalla procura di Messina. Si tratta di Ylenia Bonavera, la ragazza di 23 anni che l’ex, Alessio Mantineo, cercò d’uccidere nel gennaio dello scorso anno.
La procura di Messina le ha inviato l’atto di conclusione delle indagini perché la ragazza sia subito dopo l’aggressione che durante il processo ha raccontato di non conoscere l’aggressore cercando di difendere e scagionare l’ex fidanzato.
Il tentato omicidio risale all’8 gennaio 2017 quando Mantineo, che si trovava nell’appartamento della ragazza, cercò di ucciderla, dopo averla cosparsa di benzina, perché non riusciva ad accettare che lei lo avesse lasciato e non volesse riprendere la loro relazione.
Il 10 gennaio scorso il gup Salvatore Mastroeni ha condannato in abbreviato il fidanzato Alessio Mantineo a dodici anni di carcere, ritenendolo colpevole di tentato omicidio.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile