Top

Mattia Del Zotto confessa: ho messo io il tallio per punire la mia famiglia impura

Il giovane di Novi Milanese, interrogato dal Gip, ha confermato di aver usato il veleno per sterminare la famiglia 'impura'. Ha ucciso i nonni e la zia. Controllato h 24 in carcere

Mattia Del Zotto confessa: ho messo io il tallio per punire la mia famiglia impura

globalist

9 Dicembre 2017 - 13.57


Preroll

Ha confessato Mattia Del Zotto, il 27enne di Nova Milanese in cella per aver avvelenato i familiari e ucciso tre componenti della sua famiglia.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Interrogato oggi dal gip di Monza, Federica Centonze, Del Zotto  ha confessato di essersi occupato “personalmente” di contaminare gli alimenti che sapeva essere abitualmente consumati dai parenti. ‘Ho messo io il tallio’, ha detto, sfruttando la vicinanza degli appartamenti”, il suo e quelli di nonni e zii. Al giudice ha ribadito, alla presenza del suo avvocato Silvia Letterio, di aver agito “per punire gli impuri”. 
«Ho una distanza nei valori con i parenti. E non li percepisco come persone care e vicine. Il mio affetto va al Signore Creatore, per l’entità divina superiore». Non ha messaggi che vorrebbe superassero le mura del carcere, qualcosa per i genitori. E lo dice: «Non mi viene nessun messaggio da dare». Ha però un desiderio, la lettura del Talmud, uno dei testi classici dell’ebraismo. 
Nel delirio che lo attraversa, Del Zotto ha ucciso i nonni e una zia: Giovanni Battista Del Zotto, di 94 anni, Patrizia Del Zotto di 62 anni e Maria Gioia Pittana di 88 anni, mandando in ospedale altri cinque componenti della famiglia. 

Middle placement Mobile

Da quanto si è appreso il giovane per ora è in cella da solo, senza tv, controllato 24 ore su 24 ed ha già avuto un colloquio con lo psichiatra interno.

Dynamic 1

 

 

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage