Top

Pomeriggio da incubo per un 17enne milanese: "Pestato dal branco perché gay"

Prima lo hanno insultato, poi lo hanno fatto cadere a terra colpendolo con calci e pugni.

Leo
Leo

globalist

30 Novembre 2017 - 13.42


Preroll

Vittima dell’aggressione è Leo, un ragazzo di 17 anni che sarebbe stato pestato dal branco solo perché omosessuale. A denunciare sui social l’episodio di violenza, avvenuto il 13 novembre in un parco di Baggio, a Milano, sono i collettivi studenteschi Collettivo Autonomo ITSOS Steiner e Kollettivo Indipendente Agnesi. Leo si trovava in compagnia di due amici per passare la domenica pomeriggio al parco – si legge nel racconto condiviso su Facebook – quando è stato avvicinato da un gruppo di ragazzi di circa 15 anni. Dopo aver chiesto una sigaretta, hanno iniziato a fare domande sull’orientamento sessuale dei tre ragazzi per passare poi agli insulti, al lancio di sassi e bottiglie ed, infine, alle botte. “Un amico di Leo viene buttato a terra – si legge ancora nel post – e, mentre cerca di aiutarlo a rialzarsi, Leo viene colpito violentemente ad un orecchio. Cade a terra, stordito dal colpo, ma questo non ferma il gruppo che continua a inveire su di lui con calci al volto e pugni”. “Leo e i suoi amici, ragazzi come tanti altri, hanno rischiato grosso quella sera, solo perché ‘colpevoli’ di essere omosessuali”, commentano gli studenti, “È possibile nella Milano del 2017 essere perseguitati e picchiati per il proprio orientamento sessuale? Questo non è che uno dei tanti accadimenti che fanno capire quanto sia importante ancora oggi combattere l’OMOFOBIA in tutte le sue forme”, concludono.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage