Il consigliere leghista: i femminicidi? Invenzioni della sinistra

Fabio Tuiach, consigliere comunale della Lega Nord a Trieste, e non nuovo a provocazioni del genere, interviene in un dibattito in cui in Italia sarebbero più uomini che donne vittime di violenza

Il consigliere comunale ed ex pugile Fabio Tuiach

Il consigliere comunale ed ex pugile Fabio Tuiach

globalist 20 ottobre 2017

Ci perdoni consigliere. Ma ci sembra che lei abbia le idee un po' confuse. Perché sostenere che "i femminicidi sono una invenzione della sinistra" e che "in Italia il tasso di omicidi maschili è di 16 milioni all'anno, cioè vengono uccisi più di 3 uomini per ogni donna", è una follia bella e buona. A scrivere nero su bianco tali affermazioni al limite dello sconvolgente è Fabio Tuiach, consigliere comunale della Lega Nord a Trieste.
Il commento parte da un post pubblicato sul sito "Movimento libertario" a firma di Marina Dalla Costa. Nel testo si legge che "l'Italia è uno dei Paesi del mondo con il tasso più basso di omicidi femminili: 5 per milione all'anno". Secondo il post "una donna italiana ha, in tutta la sua vita, una probabilità dello 0,05% di subire un omicidio".
I dati delle donne uccise vengono poi paragonati a quelli delle donne che si suicidano "22 per milione per anno" e al numero di bambini abortiti "unico vero numero da strage". La morale poi di Dalla Costa è che "in Italia il tasso di omicidi maschili è di 16 milioni all'anno, cioè vengono uccisi più di 3 uomini per ogni donna".
Sulla pagina Facebook di Tuaiach, ex pugile, si leggono poi altri post diciamo di dubbio gusto, sempre velati da un razzismo di fondo. Tipo: "Visto che sono tra gli ultimi uomini non arcobaleno su Facebook ho intenzione di fare 38 figli come il padre della Kienge per dare il buon esempio. Lui è un capotribù di sinistra e li ha avuti da diverse mogli, io invece che sono più tradizionalista dovrò chiedere gli straordinari alla mia cattivissima moglie che sta con me da quando sono un ragazzino".