Salento, sit-in contro l'espianto degli ulivi: la polizia carica i manifestanti

Alta tensione e manifestanti davanti al cantiere del gasdotto della Tap in provincia di Lecce. L'attività di espianto degli ulivi è stato intanto sospesa.

Sit-in contro espianto degli ulivi: cariche della polizia

Sit-in contro espianto degli ulivi: cariche della polizia

globalist 28 marzo 2017

Ancora cariche. Ancora una manifestazione repressa con violenza. Non siamo in Russia, ma Melendugno, in Salento, dove la polizia con due cariche sui manifestanti ha sgomberato il blocco davanti al cantiere Tap. Nelle cariche, qualcuno dei manifestanti è rimasto ferito. 


Il momento di tensione è stato registrato questa mattina tra le forze dell'ordine e i manifestanti che presidiano il cantiere della Tap in località San Basilio, a San Foca, per protestare contro l'espianto degli ulivi sul tracciato dove dovrebbe sorgere il micro-tunnel del gasdotto. I mezzi della polizia, per accedere all'area, sono stati costretti a forzare il blocco messo in atto dai manifestanti. L'attività di espianto degli ulivi è stata intanto sospesa.


La sospensione è stata decisa perchè i camion che devono portare gli alberi espiantati (che successivamente saranno nuovamente piantati nella stessa area) al sito di stoccaggio 'Masseria del Capitano' non possono uscire dal cantiere per problemi di ordine e sicurezza.