Investì la moglie uccidendola: il marito lo ammazza e si costituisce

I carabinieri hanno trovato una pistola semiautomatica in una busta di plastica sulla tomba della moglie. Poi si è consegnato.

Roberta Smargiassi e Fabio Di Lello

Roberta Smargiassi e Fabio Di Lello

globalist 1 febbraio 2017

Una storia tragica in tutta la sua drammaticità. Ha covato per mesi la vendetta. Poi oggi a Vasto, all'ingresso del locale 'Drink Water', in via Perth, ha sparato almeno quattro colpi di pistola uccidendo Italo D'Elisa, il ventenne che la scorsa estate aveva investito con la macchina sua moglie in scooter. Per Roberta Smargiassi non c'era stato niente da fare, era morta pochi minuti dopo il ricovero in ospedale, aveva 34 anni. Solo pochi mesi prima si era sposata con il calciatore Fabio Di Lello, atleta del San Salvo e del Cupello.
I carabinieri di Vasto l'hanno cercato per alcune ore dopo aver ritrovato una pistola semiautomatica in una busta di plastica lasciata sulla tomba della moglie. Lui si è costituito nel tardo pomeriggio.


Prima di consegnarsi alle forze dell'ordine ha chiamato un amico dicendogli che aveva ucciso l'assassino di sua moglie, annunciandogli che si stava recando al cimitero per salutare la sua Roberta. Poi ha chiamato l'avvocato Giovanni Cerella, indicandogli dove si trovava in quel momento. Al cimitero la Scientifica ha effettuato i rilievi, sul posto anche il procuratore capo della Repubblica Giampiero Di Florio.