Top

Ordinò l'omicidio della compagna: ergastolo a Melluso, pentito del caso Tortora

Gianni 'il bello' aveva assoldato un killer per sbarazzarsi della donna. Le sue calunnie mandarono la star della tv in prigione

Gianni Melluso, uno dei falso pentiti del caso Tortora
Gianni Melluso, uno dei falso pentiti del caso Tortora

globalist

25 Novembre 2016 - 15.29


Preroll

Uccisa con un colpo alla testa, poi gettata dentro un pozzo artesiano sigillato con il cemento. Era l’aprile del 2007, ad essere uccisa, a Mazara del Vallo, una donna originaria di San Benedetto del Tronto, Sabina Maccarone,  40 anni. La sua colpa, quella di avere incontrato a Sciacca il famoso pentito del caso Tortora, Gianni Melluso, passato alle cronache come “Gianni il bello”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La donna conviveva con lui che a Sciacca aveva obbligo di dimora. Tra i due ad un certo punto fu rottura, accadde qualcosa. Melluso volendosi liberare  di lei la affidò ad un mazarese, Giuseppe D’Assaro. I due, Melluso e D’Assaro erano stati compagni di cella.

Middle placement Mobile

La donna accettò di seguire D’Assaro, nella casa che l’uomo aveva in contrada San Nicola. Lì Sabina fu uccisa per ordine di “Gianni il bello”.In cambio, D’Assaro da Melluso avrebbe avuto in regalo un appartamento. Il killer pensava che tutto rimanesse cementificato in quel pozzo artesiano. Ma, a far scoprire il delitto fu la madre del killer. Un giorno, arrivando nella casa di contrada San Nicola, la donna non trovò nessuno, nemmeno Sabina, che le era stata presentata dal figlio quale sua nuova convivente. Notò però il tappo di cemento che chiudeva il pozzo del cortile, e la terra smossa attorno

Dynamic 1

. Furono chiamati i vigili del fuoco e fu disseppellito quel corpo. D’Assaro dopo una breve latitanza confessò e fu condannato a 30 anni. Ora è toccato a Melluso, condannato all’ergastolo.

La Corte di Assise di Trapani ha accolto la richiesta del pm Giulia D’Alessandro. D’Assaro non è nuovo alle confessioni. Suo il racconto, ricco di particolari, su un altro misterioso fatto di cronaca, la scomparsa da Mazara della piccola Denise Pipitone, nel settembre del 2004. D’Assaro accusò i familiari della piccola e altre persone. Secondo la sua ricostruzione, Denise, sequestrata, morì per una dose eccessiva di medicinali. Raccontò anche che  il corpo di Denise finì in mare, lungo la costa palermitana.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage