Top

Mattarella ricorda Borsellino: possiamo sconfiggere le mafie

24 anni fa la strage di Via D'Amelio. Il capo dello Stato: "Onorare Borsellino significa continuare la sua lotta".

In foto, Paolo Borsellino
In foto, Paolo Borsellino

globalist

19 Luglio 2016 - 11.45


Preroll

Oggi, 19 luglio 2016, sono passati esattamente 24 anni dalla strage di Via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della scorta. A ricordare la tragedia è stato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Onorare Borsellino significa continuare la sua battaglia. Lo Stato e la società hanno gli anticorpi per colpire e sconfiggere tutte le mafie”, ha scritto il Capo dello Stato in una nota.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Il diritto e l’ordinamento democratico costituiscono garanzie, oltre che irrinunciabili presidi di civiltà. Sta alla responsabilità di tutti procedere con coerenza e determinazione. Lo spirito di unità tra le forze migliori della comunità è indispensabile in questo impegno prioritario”, ha concluso Mattarella.

Middle placement Mobile

Pd: Borsellino stella polare della lotta alla mafia. “A 24 anni dalla strage mafiosa di via D’Amelio, facciamo memoria di Paolo Borsellino e degli agenti della scorta che hanno sacrificato la loro vita per servire lo Stato e le istituzioni democratiche. Il ricordo dell’esempio e della dedizione di Borsellino è e deve essere la stella polare per continuare nella lotta senza sosta alla mafia e alla criminalità organizzata”. Lo affermano Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini, vicesegretari del Pd, ricordando la strage di Via D’Amelio.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile