Top

Il vescovo: noi trattati come periferia

Mattarella presente ai funerali si è fermato per qualche minuto in raccoglimento dinanzi alle bare

I funerali ad Andria

globalist

16 Luglio 2016


Preroll

Oggi ad Andria i funerali di 13 delle 23 vittime dell’incidente ferroviario avvenuto il 12 luglio nelle campagne tra Andria e Corato. Le altre famiglie hanno scelto di celebrare le esequie dei loro cari in forma privata (due a Bari) mentre le salme dei non pugliesi sono state portate nelle città d’origine. Nel Palasport le bare sono allineate davanti al sobrio altare allestito per l’occasione. Presenti il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, la presidente della Camera, Laura Boldrini, e il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio. Mattarella si è fermato per qualche minuto in raccoglimento dinanzi alle bare e ha poi raggiunto i parenti per rivolgere una parola di conforto a ciascuno di loro.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’omelia. “Le nostre coscienze sono state addormentate da prassi che ci sembrano normali ma non lo sono: quelle prassi dell’economia in cui non si pensa alla vita delle persone ma alla convenienza e all’interesse, senza scrupoli e cono piccole e grandi inadempienze del proprio dovere”. E’ uno dei passaggi dell’omelia del vescovo di Andria, Luigi Mansi, al funerale delle vittime del disastro ferroviario del 12 luglio scorso. Nel Palasport di Andria – dove sono presenti 5000 persone – si tengono i funerali di 13 delle 23 vittime dello scontro tra treni. Numerosi i soccorritori e quanti in questi giorni si sono prodigati per dare aiuto.
Concluse le autopsie a Bari Sono terminate le autopsie sui corpi delle 23 vittime del disastro ferroviario avvenuto martedì scorso fra Andria e Corato. L’equipe coordinata dal professor Francesco Introna dell’istituto di medicina legale del Policlinico di Bari ha concluso gli accertamenti sulle salme così come disposto dalla Procura di Trani. Sui corpi di 20 vittime i medici hanno eseguito tac e esami cadaverici esterni. Sui resti dei due macchinisti e del capotreno sono state invece eseguite autopsie più approfondite con accertamenti istologici e tossicologici i cui esiti si conosceranno nei prossimi giorni. Su tutti i corpi gli accertamenti hanno evidenziato le profonde lesioni provocate dal violento impatto ma la relazione finale dei medici legali con tutte le valutazioni del caso sarà depositata entro 90 giorni. Una volta concluse le autopsie, le salme con il nulla osta della magistratura tranese hanno lasciato l’istituto di medicina legale di Bari a disposizione delle famiglie che domani celebreranno i funerali.

Middle placement Mobile

Si indaga su fondi europei e raddoppio La Guardia di Finanza di Bari ha avuto la delega ad acquisire atti presso Ferrotramviaria, Regione Puglia e “ovunque essi si trovino” sull’erogazione e la gestione dei finanziamenti europei e regionali relativi anche al mancato raddoppio della tratta Corato-Andria sui cui è avvenuto il disastro ferroviario. Il pm Michele Ruggiero, titolare del filone d’indagine, ha avviato accertamenti sui finanziamenti pubblici gestiti dalla società ferroviaria e sul contratto di gestione tra Regione Puglia e Ferrotramviaria. Il filone d’indagine riguarda anche lo spostamento da un periodo di finanziamento (2007-2013) a quello successivo (2014-2020) dei fondi Ue per l’ammodernamento della tratta ferroviaria coinvolta nell’incidente. Secondo alcuni, lo spostamento sarebbe avvenuto per problemi legati ai permessi locali.

Dynamic 1

Dynamic 2

Dynamic 3

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage