Non cacciate via Mauro, custode-eremita dell'Isola di Budelli

27 anni fa accettò di essere guardiano della Spiaggia Rosa, nell'arcipelago de La Maddalena. Per 10 anni è stato custode senza essere pagato. Oggi l'incognita sul suo futuro.

Spiaggia Rosa

Spiaggia Rosa

globalist 24 maggio 2016

"Budelli è Mauro, Mauro è Budelli" così saluta il navigante di Change.org l'appello che in pochi giorni ha raccolto quasi 4.000 firme.
La petizione  chiede al Governo di lasciare sull'isola dell'arcipelago di La Maddalena il suo storico 'custode-eremita', Mauro Morandi.


L'appello. "Facciamo sì che possa continuare il suo lavoro sull'isola", scrive la giornalista ambientale che ha promosso l'iniziativa, Enza Plotino.
Morandi, 77 anni, assunto come custode nel 1989 dalla società immobiliare che dalla fine degli anni '60 deteneva la proprietà dell'isola, da 27 anni è l'unico residente di Budelli, ora definitivamente passata al patrimonio pubblico dell'ente Parco di La Maddalena.Questa la petizione: https://www.change.org/maurobudelli


 



 


Il lavoro perso. "Circa 10 anni fa i vecchi proprietari hanno smesso di pagare lo stipendio di guardiano, disinteressandosi man mano di lui e della meravigliosa Budelli. Ma lui è rimasto!
Nonostante tutto, Mauro è rimasto a salvaguardare quell'incredibile pezzo di paradiso! La sua scelta è stata Budelli, non i soldi", sottolinea Enza Plotino, che in appena tre giorni dall'avvio della petizione ha raccolto oltre 3.900 firme.
L'amore per la natura. "Noi non vogliamo che Mauro lasci l'isola perché - spiegano gli amici che hanno sottoscritto l'appello - pensiamo innanzitutto che se Budelli è rimasta una meraviglia della natura è anche grazie a lui, e in secondo luogo perché siamo convinti che il Parco abbia tutto da guadagnare dalla sua presenza: Mauro vive a Budelli da un quarto di secolo, conosce ogni pianta e ogni roccia, ogni albero ed ogni specie animale, riconosce i colori e i profumi con il mutare del vento e delle stagioni".
La scorsa settimana il giudice delle esecuzioni immobiliari di Tempio Pausania ha approvato il piano di ripartizione delle somme dovute ai creditori dei vecchi proprietari dell'isola, chiudendo così la procedura dell'asta giudiziaria che gravava su Budelli, e ha riconosciuto a Morandi quasi 160.000 euro per stipendi mai percepiti. Da allora la sua unica paura è che i nuovi proprietari, l'Ente Parco, lo possano cacciare dal 'suo' paradiso terrestre.