'Vietate le foto allegre', il comune di Cagliari: più decoro in cimitero

Lo dice il regolamento comunale del cimitero di Cagliari, che vieta ai familiari del defunto di utilizzare una fotografia che lo ritrae troppo allegro o in costume da bagno.

Desk2 2 novembre 2015
Il regolamento comunale del cimitero di Cagliari, vieta ai familiari del defunto di utilizzare una fotografia che lo ritrae troppo allegro o in costume da bagno, come scrive 'La Nuova Sardegna': "Niente occhiali da sole, banditi boxer o bikini. Petto nudo? Neanche a parlarne. Il regolamento comunale – non ancora in vigore – parla chiaro".



Il motivo della regola? Le persone che si recano al cimitero potrebbero sentirsi "offese" dalle immagini scelte dalle famiglie del defunto. "Qualche giorno fa un funzionario ha detto no alla foto di una coppia sorridente al mare - scrive il quotidiano - i figli avrebbero voluto ricordare così i genitori defunti. Non si può, perché quella foto 'non è decorosa'".

Il caso è finito presto sulle scrivanie dei consiglieri comunali di Cagliari, dove Stefano Schirru del Pdl ha "presentato un'interrogazione all'assessore Anna Paola Loi che tra le varie deleghe ha anche quella ai servizi cimiteriali", a seguito della quale è stata proiettata una sequenza di immagini che ritraggono alcuni defunti felici, immortalati durante le vacanze, le cui lapidi sono rimaste ora senza foto.


Una scelta, quella di utilizzare o meno ritratti di persone sorridenti o in bikini, che divide la giunta comunale. "Una situazione del genere non è accettabile - ha detto Schirru a 'La Nuova Sardegna' - Decoro? Stiamo parlando di morti, non scherziamo. E poi, a che titolo un impiegato o funzionario può giudicare se una foto è decorosa oppure no? Il regolamento va cambiato, questi paletti assurdi devono essere eliminati".