Top

Il Papa all’Aurelio coi rom e le famiglie fragili: “Abbiate pazienza”

Francesco dalla parrocchia di s. Giuseppe: “Vi auguro il meglio. Che ci sia la pace, lavoro e gioia”. E poi concede un selfie.

<picture> Il Papa all’Aurelio coi rom e le famiglie fragili: “Abbiate pazienza” </picture>

Redazione

14 Dicembre 2014


Preroll
di Ste.Mar.

Visita del Papa questa sera al quartiere Aurelio-Primavalle (in via di Boccea), dove ha incontrato bambini e ragazzi del catechismo, rom e famiglie fragili. “Abbiate pazienza” è la sintesi del messaggio lanciato da Francesco nel corso della sua presenza alla parrocchia di s. Giuseppe. “Vi auguro il meglio. Che ci sia pace, lavoro, gioia”. E nell’entusiasmo delle centinaia di persone che si sono accalcate per poterlo salutare o anche solo vedere, Bergoglio ha anche concesso un selfie a un giovane temerario che non ha avuto timore di chiederlo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Rivolto ai rappresentanti della comunità rom, il Papa ha parlato dell’urgenza di giungere a una completa integrazione tra nomadi e cittadinanza romana. Poi, come detto, l’incontro con 25 rappresentanti delle circa 600 famiglie che vivono nel ‘residence’ di via di Val Cannuta, non lontano dalla chiesa, e che sono seguite dai giovani del progetto ‘Dammi una mano’ in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio. Nei giorni scorsi il parroco Giuseppe Lai aveva detto che il “progetto di prossimità a questi nuclei familiari è iniziato quasi dieci anni fa: all’inizio gli abitanti del residence non volevano avere rapporti con nessuno e non mandavano nemmeno i propri bambini a scuola – aveva spiegato don Lai – ma poi pian piano il programma d’integrazione ha cominciato a dare i suoi frutti: oggi sono parte integrante della nostra comunità e frequentano la Scuola della Pace di Sant’Egidio”.

Middle placement Mobile

Festeggiati i cinquant’anni di vita, la grande chiesa di s. Giuseppe non aveva mai ricevuto la visita di un Pontefice, perché quando arrivò nel 1979 Giovanni Paolo II la visita era diretta alla casa generalizia degli Oblati di s. Giuseppe, la congregazione cui fa riferimento la parrocchia, fondata nel 1878 ad Asti da san Giuseppe Marello: praticamente un conterraneo di Francesco.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage