Top

Tagliatellata antifascista, ricordando la famiglia Cervi

Il 25 luglio 1943 finì il regime e si festeggiò con le tagliatelle. Da allora l'Anpi organizza tavolate per ricordare la ritrovata libertà. E non dimenticare.

Tagliatellata antifascista, ricordando la famiglia Cervi

Desk3 Modifica articolo

25 Luglio 2014 - 22.06


Preroll
di Roberta Sangiorgi

A Casa Cervi come nelle piazze di mezza Italia va in scena la tagliatella antifascista. L’occasione è la caduta del fascismo, il 25 luglio 1943. Quel giorno di 71 anni fa fu festa grande a Casa Cervi. La liberazione arriverà solo 20 mesi dopo, al prezzo di molte sofferenze. Ma quel giorno alla notizia che il Duce era stato arrestato c’era solo voglia di festeggiare, a Campegine come in tutta Italia. L’idea della tagliatella per ricordare la caduta del regime da qualche anno è diventata un must. L’idea è partita da molte sezioni dell’Anpi, si è allargata a macchia d’olio, è diventata virale.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Una rete di iniziative, quest’anno parzialmente guastate dal maltempo, ma che richiama migliaia di persone in questa popolare particolarissima festa della memoria e della democrazia. A San Giovanni in Persiceto (Bologna), a cui si riferiscono queste immagini, c’erano diverse centinaia di persone, sotto la pioggia, nella piazza del Popolo. Tra i presenti, Armando Gasiani, sopravvissuto a Mathausen. La festa di quest’anno ha voluto essere anche un momento di testimonianza in difesa della Costituzione, nel momento in cui il dibattito sulle riforme si sta facendo incandescente.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile