Top

Don Patriciello, eroe dell'Italia civile

Mentre l'Italia è paralizzata dai ricatti di Berlusconi, il parroco di Caivano continua la sua battaglia contro il degrado e la camorra: cartoline per Napolitano.

Don Patriciello, eroe dell'Italia civile

Desk3

28 Settembre 2013 - 12.08


Preroll

C’è un’Italia paralizzata dai ricatti di Berlusconi, dove il rischio di una crisi di governo è imminente, dove per il Pdl gli interessi del Paese continuano a coincidere con quelli del Cavaliere, e poi c’è un’altra Italia, quella di don Patriciello.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il parroco di Caivano, che da anni combatte la camorra e il degrado nella Terra dei fuochi, ieri, si è recato a Napoli, in occasione della visita del Presidente della Repubblica, per portare la testimonianza della gente che soffre.

Middle placement Mobile

«Porto al Presidente della Repubblica le cartoline di 11 mamme che hanno perso i loro figli». Così don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano e protagonista delle battaglie per l’ambiente della “Terra dei fuochi”, in occasione della visita a Napoli del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, per celebrare le Quattro giornate.

Dynamic 1

«Vorrei consegnarle al Presidente, se riuscirò a incontrarlo – ha affermato – Sono 110mila le cartoline e queste che gli porto oggi sono firmate dalle mamme». «Si parla tanto di disastro ambientale e facciamo bene – ha aggiunto – ma si parla poco delle conseguenze di questo disastro». E appena ieri, ha fatto sapere, «a Carinaro ho celebrato il funerale di Marianna, otto anni, morta per una leucemia». «Veniamo a sapere che proprio nelle nostre terre queste malattie si diffondono – ha detto – ma non ci volevano profeti o indovini per saperlo». «Vogliamo assistere così e inneggiare ai nostri eroi e basta? Loro sono morti perché si sono opposti alle tirannie per dire no al sopruso, ma se questa tirannia continua allora il loro sacrificio è stato vano».

[GotoHome_Torna alla Home]
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage