Top

A Roma allerta meteo, tra ironie e polemiche

In vista delle forti piogge il Campidoglio decreta l'allerta. Dopo la figuraccia per la nevicata Alemanno atteso al varco e sotto accusa: sa fare solo allarmismo. <br><br>

A Roma allerta meteo, tra ironie e polemiche

Desk

14 Ottobre 2012 - 19.13


Preroll

Roma si prepara al ciclone. Anzi no alla tempesta. Anzi no, alla mezza tempesta. Anzi no, a un forte acquazzone. Chi lo sa? Nel dubbio il Campidoglio ha dichiarato l’allerta e gli abitanti della capitale si preparano ad un lunedì difficile: scuole aperte (le grandi piogge sono previste per il pomeriggio) e qualche curiosità su come si è preparato il sindaco Alemanno, la cui figuraccia dopo le inefficiente mostrate per la nevicata è ancora viva nei ricordi cittadini. E sul web si sono rincorse parodie, ironie e battute.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Allerta, dunque. Con qualche polemica tutta interna alla politica capitolina: “Apprendiamo che domani Roma,
fortunatamente, non sarà investita da una tempesta tropicale bensì da un normale temporale autunnale italico. Dallo scorso anno, da quando la città restò bloccata per pochi centimetri di neve, per il sindaco Alemanno qualsiasi evento naturale minimamente superiore all’ordinarietà diventa una catastrofe
annunciata. Avvertiamo Alemanno che si governa pulendo fogne tombini e caditoie, non con gli allarmismi”. Così Enzo Foschi, consigliere regionale Pd.

Middle placement Mobile

Monumenti sorvegliati speciali. “L’acqua è il nemico
peggiore, ma ci siamo mossi in anticipo – ha detto il
sovrintendente comunale Umberto Broccoli -. Abbiamo
intensificato i controlli e preso delle misure di sicurezza”. Tra le vestigia più a rischio Broccoli ha citato i Mercati di Traiano e le antiche ville romane. “Si tratta di monumenti
vecchi di duemila anni – ha ricordato -. Pur prevedendole, le
condizioni meteo straordinarie” hanno sempre i loro
effetti.
Tra gli interventi effettuati
Broccoli ha parlato, tra l’altro, di “liberare i tombini (nelle aree dei monumenti, ndr), cosa che facciamo periodicamente, e ad
esempio nella zona di Ponte Milvio abbiamo messo i sacchetti di
sabbia”.

Dynamic 1

In generale, ha ricordato: “parliamo di monumenti che hanno
duemila anni e quindi, se ci troveremo di fronte a condizioni
meteo straordinarie, pur prevendole” degli effetti ci saranno.
“L’acqua è il nemico peggiore”, ha sottolineato Broccoli, che
nei mesi scorsi aveva attribuito alle forti piogge dell’autunno
2011 e alla nevicata di febbraio alcuni piccoli crolli
verificatosi in seguito per diversi monumenti. Ad esempio quello
del rivestimento di un tratto delle mura del Pincio,

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage