William Burroughs, “agente clandestino” che ha fecondato il rock da Dylan a Kurt Cobain

Molto più di uno scrittore: con “Burroughs e il mito del rock’n’roll” Casey Rae ricostruisce il potente influsso su una miriade di artisti: Beatles, Zappa, Bowie, Patti Smith, Joe Strummer …

David Bowie e William Burroughs

David Bowie e William Burroughs

di Giuseppe Costigliola

Tra i personaggi che più hanno suggestionato l’arte tardo-novecentesca occidentale spicca il nome di William Burroughs. La sua pirotecnica e drammatica biografia, gli esperimenti in ambito narrativo, pittorico, discografico, esistenziale, l’attività di performer, i saggi e le interviste, l’aura di guru che lo circondava: tutto ciò ha impollinato la vita e la produzione di un gran numero di creativi, nei campi più disparati.
I tempi erano ormai maturi per realizzare una sintesi critica di questa pervasiva presenza, e finalmente è apparso un libro che prova a sistematizzare l’ascendenza dell’opera e della figura dell’artista di St. Louis, in particolare sull’eterogenea galassia della musica rock: William Burroughs e il mito del rock’n’roll, di Casey Rae, pubblicato da Jimenez Edizioni (traduzione di Alessandro Besselva Averame, pp. 368, € 19).

L’autore parte dall’assunto che “la musica del Ventesimo secolo e oltre debba parecchio ai metodi di Burroughs, e alla sua visione del mondo”. La sua poliedrica personalità è stata infatti un magnete per gli artisti, quasi sempre più giovani di lui. Rae lo considera una specie di “agente clandestino”, una “figura spettrale” che ha “infestato la cultura underground” e che ha avuto una parte attiva nello sviluppo del rock’n’roll. La sua scrittura e l’immaginario inquietante che la sostiene, l’attitudine antisistema, il vissuto anticonvenzionale hanno trovato terreno fertile in personaggi del calibro di Paul McCartney, Mick Jagger, Bob Dylan, David Bowie, Lou Reed, Frank Zappa, Iggy Pop, Patti Smith, Laurie Anderson, Kurt Cobain e numerosi altri. Con l’enorme impatto avuto su costoro, Burroughs ha “contribuito ad accelerare un’evoluzione sonora che ancora oggi si riverbera su continenti ed epoche”, a oltre vent’anni dalla morte.

Per dimostrare questa tesi, l’autore ripercorre le vicende di alcuni musicisti iconici che lo incontrarono o con lui collaborarono, inframmezzandole alla biografia di Burroughs, una modalità che gli consente di esplorare un ampio ventaglio di generi, concetti, idee, metodi, ossessioni legate alla sua figura: cinema, teatro, musica elettronica, hip hop, punk, heavy metal, cultura della droga, occultismo, media, distopia tecnologica. Il risultato è un’analisi ricca di storie e aneddoti, ammirevole per la padronanza con cui si espone una materia incandescente. Burroughs è stato infatti un personaggio complesso e contraddittorio, in continua mutazione, che ha vissuto una vita di ricerche e sperimentazioni con l’intento di trasformare se stesso e il mondo circostante. Ciò fa di lui una sorta di “codice cifrato, un puzzle da decifrare”, ed è lodevole il tentativo di Rae di scavare sotto l’aspetto pubblico per portare alla luce la vera identità dell’uomo, coadiuvato in questo dal contributo di alcuni amici che gli furono molto vicini, da lui intervistati.

L’autore segue cronologicamente gli spostamenti di Burroughs, notando che, ogniqualvolta si fermava in qualche posto nel suo girovagare per il mondo, i suoi “covi” divenivano fecondissimi luoghi d’incontro di esploratori e creativi a vario titolo impegnati in audaci escursioni ai confini della creatività. Sul finire degli anni Cinquanta si stabilì a Parigi, alloggiando in una topaia passata alla storia come il Beat Hotel, che divenne raduno di figure di primo piano del movimento Beat e dell’underground parigino. Negli anni Sessanta si trasferì a Londra e cominciò a lavorare sui cut-up automatizzati, usando gli elementi casuali anche negli esperimenti sonori, condotti utilizzando registratori a bobina messi a disposizione da Paul McCartney, che spinsero i Beatles all’utilizzo di “suoni trovati” e cut-up su nastro in dischi seminali quali Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band (dove Burroughs appare in copertina) e il White Album. Anche David Bowie incontrò Burroughs e iniziò a usare il cut-up nei suoi lavori: il musicista inglese ne ha sempre riconosciuto l’apporto ai suoi progressi artistici ed estetici.

Nella metà degli anni Settanta Burroughs tornò a New York e si insediò in un ex spogliatoio della YMCA privo di finestre ribattezzato “il Bunker”, che attirò i protagonisti dell’emergente scena punk: Patti Smith, Chris Stein e Debbie Harry dei Blondie, Joe Strummer dei Clash e Richard Hell dei Voidoids. Lì accolse Lou Reed, il quale aveva per lo scrittore più trasgressivo della Beat generation una vera e propria ossessione, tanto da saccheggiarne i libri per i suoi testi.
Il suo influsso sul mondo della musica non si attenuò neanche dopo il trasferimento a Lawrence, in Kansas, nel 1981. Quello stesso anno i suoi primi esperimenti di spoken word e tape splicing furono raccolti in disco, e in un altro collaborò con il poeta performativo John Giorno e con Laurie Anderson. Nell’ultimo decennio di vita Burroughs ospitò nel suo bungalow rosso Kurt Cobain, componenti dei Sonic Youth, dei R.E.M., dei Ministry, e contribuì a numerose produzioni musicali e video.

Anche la sua nota passione per il paranormale ha fatto da calamita, soprattutto per gli artisti interessati all’occulto come Genesis P-Orridge, Chris Stein, John Balance e Peter Cristopherson. Jimmy Page trascorse ore a discutere con Burroughs delle potenzialità soprannaturali della musica, Dylan, anch’egli utilizzatore del cut-up, lo inseguì a lungo prima di incontrarlo in un caffè del Greenwich Village, all’inizio del 1965.
Ma, al di là delle collaborazioni e delle amicizie, le influenze di Burroughs nell’universo rock sono davvero trasversali. Moltissime le band che hanno incorporato le frasi dei suoi romanzi nei loro nomi, in titoli e testi di canzoni, altrettante quelle che hanno utilizzato le sue tecniche compositive e hanno voluto che apparisse nei loro album e video.

Oggi l’influsso di Burroughs sulla scena musicale appare un po’ meno evidente. In realtà, esso va ben oltre la sua opera, poiché riguarda il metodo stesso utilizzato per crearla. I suoi esperimenti di hackeraggio della realtà, il lavoro su media ricombinanti – testi sottoposti a cut-up, i “suoni trovati”, il tape splicing – diventano la lingua franca delle produzioni sonore sperimentali negli anni Novanta, e lo sono tuttora, con la diffusa pratica del remix. Ma la musica rappresenta solo la punta dell’iceberg, poiché l’impatto di Burroughs copre l’intero spettro dei popular media – letteratura, cinema, fumetti, videogiochi, lo stesso Internet. Del resto, non solo egli aveva previsto il nostro sempre più caotico presente e il nostro incerto futuro, ma potrebbe addirittura aver contribuito a innescarlo.
Insomma, come scrive Casey Rae, “non appena ci si mette a cercare, si scopre che Burroughs è ovunque”. Non a caso a Tangeri lo chiamavano “El Hombre Invisible”.