Ecclestone: "I neri sono più razzisti dei bianchi" e Hamilton replica: "Ignorante"

Il campione del mondo di Formula Uno ha respinto le controverse osservazioni dell'ex boss dell'automobilismo

Ecclestone e Hamilton

Ecclestone e Hamilton

Globalsport 27 giugno 2020Globalsport

Un botta e risposta molto secco: il campione del mondo di F1 Lewis Hamilton ha respinto le controverse osservazioni dell'ex boss della Formula 1 Bernie Ecclestone sul razzismo come "ignoranti e non istruite".


Ecclestone ha dichiarato alla Cnn in un'intervista che ha avuto molta ammirazione per la campagna di Hamilton contro il razzismo, ma che "in molti casi i neri sono più razzisti dei bianchi".


Hamilton, che ha fondato l'iniziativa 'We Race As One' per la lotta per la diversità e contro il razzismo, ha preso su Instagram una dura posizione contro Ecclestone.


"Bernie è fuori dallo sport e di una generazione diversa, ma questo è esattamente ciò che è sbagliato - commenti ignoranti e non istruiti che ci mostrano fino a che punto una società deve andare avanti prima che possa accadere la vera uguaglianza", ha detto il pilota britannico. "Adesso ha perfettamente senso che nulla sia stato detto o fatto per rendere il nostro sport più diversificato o per affrontare l'abuso razziale che ho ricevuto durante la mia carriera"


"Se uno che ha gestito lo sport per decenni ha una tale mancanza di comprensione dei problemi profondi che noi neri affrontiamo ogni giorno, come possiamo aspettarci che capiscano tutte le persone che lavorano sotto di lui. Comincia dalla cima".


Ecclestone ha governato il circus per dieci anni, ma la F1 è ora gestita da Liberty Media, che ha preso le distanze dall'89enne. "In un momento in cui è necessaria l'unità per affrontare il razzismo e la disuguaglianza, siamo completamente in disaccordo con i commenti di Bernie Ecclestone che non hanno posto nella Formula 1 o nella società", ha affermato una nota. "Il sig. Ecclestone non ha avuto alcun ruolo in Formula 1 da quando ha lasciato la nostra organizzazione nel 2017, il suo titolo di presidente emerito, essendo onorifico, è scaduto nel gennaio 2020".