Come per la caduta di Bisanzio, un esserino entrato da un porta laterale ha messo in crisi il mondo

Lo scrittore a Piazzapulita parla del trauma causato dal Coronavirus che ha sconvolto le nostre vite e parla dell'esigenza di parlarsi perché il silenzio genera mostri

Stefano Massini

Stefano Massini

globalist 26 marzo 2020
Ha raccontato Massini che durante l'assedio di Bisanzio, le vie accesso principali alla città erano difese molto bene. Però una porticina laterale era stata lasciata incredilmente aperta. E così i turchi entrarono da dove nessuno di aspettava.
"Così mentre il mondo pensava a una una guerra tra grandi potenze, oppure si preparava a fronteggiare una crisi economica, è arrivato un esserino minuscolo che ci ha messo in crisi. Ha provocato un trauma. Ossia qualcosa contro cui eravamo indifesi". 
"Siamo in emergenza emotiva e psicologica. I bambini costretti a vivere nella case;
gli anziani che sentono che muoiono tante persone. Siamo di fronte a qualcosa che è traumatico perché non eravamo pronti. Io Stefano ho paura, non riesco a farmi una ragione di ciò che sta accadendo. Parlare è fondamentale, il silenzio genera i mostri".