La criminalità impazza ma il ministro perde tempo per lanciare il #vincisalvini

Capitan Nutella promette 'premi' e caffè a chi mette più 'mi piace' sui suoi social. Ma la pacchia social è finita e arrivano le critiche: sei peggio di Wanna Marchi

Salvini lancia la sua campagna social

Salvini lancia la sua campagna social

globalist 9 maggio 2019

La criminalità impazza. A Napoli, Roma, Milano e non solo si spara anche in pieno centro. L’ex sottosegretario Siri si fa promotore di ‘marchette’ in favore degli amici e degli amici degli amici di Arata.
I conti dello Stato stanno per andare a meretrici (per usare un eufemismo) e Capitan Nutella che fa? Lancia la sua campagna
Ebbene sì, finalmente è tornato il... #Vincisalvini!!!
Come funziona?
Fa più punti chi mette più velocemente "Mi piace" ai miei post su Facebook e, da quest'anno, anche su Twitter e Istagram
Cosa si vince?
Ogni giorno la tua foto diffusa sui miei canali social a 6 milioni di amici, una telefonata con me e, ogni settimana, un caffè di persona (pensa che fortuna!).
Anche questo video avrà tutti contro? Giornaloni, intellettualoni, professoroni, analisti, sociologi... Pazienza!



Ma siccome la ‘pacchia social’ è finita, sul web le pernacchie e le ironie hanno di gran lunga superato gli applausi:
Forse solo Mastrota si arrabbierà, gli stai rubando il mestiere.
Il potere dei social ti seppellirà
ma che è una tortura?
un caffè a settimana con te..
Ma cos'è, un talent show? Una garetta sportiva per fancazzisti social? @matteosalvinimi se hai bisogno di sollecitare i like in cambio di un caffè forse stai dando una sberla a chi fin qui ti ha sostenuto pensando tu fossi anche un politico, non un mero intrattenitore girovago
Sei peggio di Wanna Marchi
Solo un caffè Matteo? Ti scofani ogni cosa commestibile che ti passa davanti, e a noi offri solo un caffè?? 'A mortaccioneeeeeee!!
Io come cazzo ho fatto a votare lega non è che c'era una grande scelta ero convinto che era la.meno peggio ma non credevo arrivasse a sti punti !!
Ma queste pagliacciate le puo' pensare uno che non lavora mai