Il 2018 è l'anno nero del giornalismo: "80 morti in tutto il mondo, oltre 300 detenuti"

Il rapporto di Reporters Sans Frontières imputa l'aggravamento della situazione all'odio che viene apertamente proclamato da politici e leader religiosi: "i giornalisti non sono mai stati soggetti a così tanta violenza e abusi"

Il 2018 l'anno più nero per i giornalisti: "80 morti in tutto il mondo, oltre 300 detenuti"

Il 2018 l'anno più nero per i giornalisti: "80 morti in tutto il mondo, oltre 300 detenuti"

globalist 18 dicembre 2018
Ottanta giornalisti sono stati uccisi nel mondo nel 2018, 348 sono incarcerati e 60 tenuti in ostaggio. Sono i drammatici dati del rapporto di Reporters Sans Frontières, che imputa l'aggravamento della situazione anche "all'odio" che viene "a volte molto apertamente proclamato da politici irresponsabili, leader religiosi e imprenditori".
Il rapporto viene pubblicato meno di tre mesi dopo l'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi, assassinato nel consolato del suo Paese a Istanbul, e nominato "Persona dell'anno" dal settimanale Time assieme agli altri giornalisti in pericolo.
"La violenza contro i giornalisti - ha dichiarato il presidente dell'organizzazione, Christophe Deloire - ha raggiunto livelli senza precedenti quest'anno, la situazione ora è critica".
"Le espressioni di odio legittimano la violenza, quindi minano il giornalismo e la democrazia in sé", ha aggiunto Deloire, senza puntare esplicitamente il dito ma lasciando pensare al modo in cui il presidente Donald Trump etichetta spesso i reporter come "nemici del popolo".
Gli Stati Uniti sono diventati il quinto Paese per numero di giornalisti uccisi, al pari con l'India e dopo lo Yemen, dopo l'uccisione di cinque persone al Capital Gazette in Maryland a giugno. L'Afghanistan è il Paese più pericoloso, con 15 giornalisti uccisi, seguito dalla Siria con 11 e dal Messico con nove.
Più della metà dei reporter è stata uccisa deliberatamente, mentre il numero dei non professionisti morti è raddoppiato da 7 a 13 in un anno. Anche il bilancio dei professionisti morti è salito del 15%, dopo tre anni di continuo calo. Il bilancio globale non include i 10 decessi che secondo RSF sono ancora sotto indagine.
"L'odio contro i giornalisti - ha sottolineato ancora Deloire - è amplificato dalle reti social, che portano pesante responsabilità a questo proposito. Omicidi, incarceramenti, sequestri, sparizioni forzate, tutti sono aumentati. I giornalisti non sono mai stati soggetti a così tanta violenza e abusi come nel 2018".
Ricordando l'omicidio di Khashoggi, dello slovacco Jan Kuciak e della fidanzata, Deloire ha detto che "sottolineano quanto avanti siano disposti ad andare i nemici della libertà di stampa".
La Cina rimane invece il Paese che più incarcera i giornalisti, per RSF, con 60 dietro le sbarre, 46 dei quali blogger non professionisti, alcuni detenuti in "condizioni disumane per niente più di un post sui social media".
Il rapporto condanna anche "il regime dispotico della Turchia" per i "processi kafkiani in cui i reporter sono accusati di terrorismo sulla base di una singola parola o un contatto telefonico". Con 33 giornalisti in cella, la Turchia ha il maggior numero di professionisti incarcerati al mondo. E la condanna di tre reporter di 65, 68 e 74 anni all'ergastolo "nella peggior forma di isolamento, senza possibilità di rilascio temporaneo o grazie" è disumana.
Protagonisti della lista nera anche Egitto e Iran, rispettivamente con 38 e 28 giornalisti e blogger in prigione. RSF ha poi criticato l'Egitto per l'opacità del suo sistema giudiziario militare, sottolineando che 30 giornalisti in carcere non sono stati processati e che altri restano in cella nonostante i tribunali abbiano ordinato il loro rilascio.